Umbria zona arancione, Tesei: "Situazione è seria"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Spostamento Umbria in zona arancione? Ne prendiamo atto. E' chiaro che questo avrà ripercussioni su bar, ristoranti e su tutte quelle attività che hanno già avuto danni importanti finora". Lo ha detto il presidente della Regione Umbria Donatella Tesei intervenuta a SkyTg24. "Il governo ora deve garantire sostegno alle attività per fronteggiare la crisi. Questa non è solo un'emergenza sanitaria, ma è anche emergenza economica. Misure decreto ristoro sufficienti? Non lo so, sono misure. Ora il governo deve essere pronto ad adeguarle alla situazione", ha detto ancora.

"La situazione è seria. Noi siamo partiti, prima dell'emergenza, con un numero basso di terapie intensive a disposizione, 59. Da lì abbiamo implementato. Si tratta di un problema di carattere nazionale quello della mancanza di posti in terapia intensiva, della carenza di medici e specialisti. Per questo a giorni installeremo un ospedale da campo, accanto all'azienda ospedaliere Asl di Perugia con 37 posti letto in più", ha aggiunto Tesei, che assicura: "Non siamo indietro su nulla. Stiamo lavorando anche per dotare i medici di famiglia dei test rapidi antigenici. Siamo la regione che fa più test di tutte in proporzione al numero degli abitanti".