Un 2020 a doppia cifra per il Gruppo STADA: oltre 3 mld fatturato

·2 minuto per la lettura
featured 1247776
featured 1247776

Milano, 16 mar. (askanews) – Il Gruppo è cresciuto, anche in circostanze difficili, continuando a mantenere costante la fornitura di farmaci ai pazienti e agli operatori sanitari. Come ha sottolineato Salvatore Butti, General Manager & Managing Director di EG STADA Group: “Prima ancora dei risultati, uno degli obiettivi importanti che abbiamo raggiunto è stata la protezione dei dipendenti STADA sia da un punto di vista della salute che da un punto di vista dell’occupazione in un anno molto complicato come è stato il 2020 a seguito della pandemia. La crescita totale delle vendite è stata intorno al 18% in un mercato flat. Questo grazie anche a sette acquisizioni e più di 80 operazioni in-licensing chiuse durante il 2020”.

Le sinergie derivate dalle acquisizioni, oltre a misure di efficientamento continue in aree come supply chain, procurement, marketing e vendite, hanno contribuito a utili pari a 713 milioni di euro.

L’affiliata italiana EG, tra le prime cinque per contribuzione a livello di fatturato del Gruppo, nel 2020 ha provveduto a distribuire 60 milioni di farmaci a tutti i pazienti in Italia.

E per il 2021 il Gruppo prevede di continuare il suo percorso di crescita. Ha spiegato Butti: “Una ripresa, sperando in un piano vaccinale che vada a compimento entro l’estate, con un secondo semestre in cui si possano rivedere i pazienti che tornano a farsi visitare dal medico”.

“L’augurio è di uscirne molto rapidamente. Il 2021, con questo andamento, e con un forte focus centrato sulle persone, lo vediamo come un anno di ulteriore crescita anche in questa situazione di pandemia. Vuoi anche per alcune acquisizioni del 2020 sul listino nel business di automedicazione, come alcuni brand arrivati da Gsk, che sono Venoruton e Duofilm. Proseguiamo con questo nostro percorso come partner di fiducia dei nostri pazienti sia per quanto riguarda i farmaci equivalenti sia per quanto riguarda l’automedicazione che il lancio di prodotti biosimilari”, ha concluso Butti.