Un 45enne napoletano non si è fatto scrupolo di andare a prelevare la somma alla posta

Da latitante ha provato a ritirare il RdC
Da latitante ha provato a ritirare il RdC

Dovrebbe stare in prigione ed è latitante ma ha il Rdc, fermato un 45enne napoletano che non si è fatto scrupolo di andare a prelevare la somma alla posta e che facendolo si è tradito. L’uomo era stato giudicato e condannato a 5 anni e mezzo di carcere inflitti dal tribunale di Firenze. Solo che lui si era reso latitante ed era anche un fruitore della misura voluta dal Movimento Cinquestelle.

È latitante ma ha il Rdc, fermato dai carabinieri

Il 45enne aveva trovato il modo di ricevere il Reddito di cittadinanza e di andarlo fianco a prelevare in ufficio postale. Stavolta però a M.B. è andata male perché i carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Napoli non hanno mai smesso di cercarlo ed alla fine lo hanno arrestato non solo per la latitanza, ma anche per truffa aggravata.

La “trappola” negli uffici postali attenzionati

I militari hanno monitorato i social, il web e i suoi movimenti finanziari e, dopo aver scoperto che l’uomo percepiva il RdC, hanno notato che qualcuno prelevava sistematicamente l’intera somma accreditata, poco dopo il bonifico. Lo faceva ogni volta in un ufficio postale differente e per lo più provincia di Napoli. La rosa di 5-6 uffici possibili era stata messa in tacca di mira e il giorno dell’accredito i carabinieri si sono appostati nei pressi di ognuno di questi. Il bingo è stato fatto quando l’uomo, in sella ad una bici elettrica si è presentato all’ingresso dell’ufficio Postale di via Primo Maggio, nel comune di Giugliano.