Un alligatore bloccato nel ghiaccio: come fa a sopravvivere?

L’alligatore nel ghiaccio (foto: Screenshot Youtube)

Come avete visto nella foto, quell’animale che sembra immobile nel ghiaccio è un alligatore americano. Una specie che popola le acque interne degli Stati Uniti e che non ha la fortuna di avere un modo per riscaldarsi. Così, nel gelido inverno 2017/2018 – che ha ghiacciato buona parte del territorio governato da Donald Trump, questo alligatore ha dovuto optare per un estremo metodo di sopravvivenza.

L’alligatore ha infatti messo fuori il muso dall’acqua per “respirare”, sfruttando al contempo un procedimento interno nel suo corpo definito brumazione. Questo animale, essendo un rettile a sangue freddo, non può generare calore corporeo per resistere alle basse temperature. Attraverso la brumazione, però, può regolare la sua temperatura mettendosi in una sorta di letargo parziale. La brumazione è legata ad un abbassamento della temperatura che, come avviene per il letargo, porta a un rallentamento del metabolismo e a un abbassamento del livello di attività corporee.

Così facendo l’alligatore può resistere più a lungo alle rigide temperature esterne e può affrontare un lungo periodo senza cibo, tenendo al contempo al minimo le proprie funzioni vitali. Una meraviglia della natura che è stata “immortalata” grazie al video messo in rete dall’account Youtube Shallotte River Swamp Park, legato al parco omonimo che è situato nella Carolina del Nord.

Il video è stato visto decine di migliaia di volte, soprattutto grazie alla pagina Facebook. L’eccezionale filmato è diventato dunque, come si suol dire, “virale”.

Ricordiamo che, a differenza di quanto scritto da alcune testate, coccodrillo e alligatore non sono la stessa cosa. L’alligatore ha un muso più ampio, ma è in generale più piccolo rispetto al coccodrillo. L’alligatore vive esclusivamente in acqua dolce, mentre per quanto riguarda il colore il coccodrillo ha macchie e fossette sui bordi della cresta, caratteristica che l’alligatore non possiede.