Un anno fa festeggiava a Positano, ora segna con la Lazio in Champions: chi è Akpa Akpro, 'l'esempio' di Drogba

AT
·3 minuto per la lettura

Un anno fa festeggiava il suo 27esimo compleanno in Costiera Amalfitana, a Positano, da infortunato. Un problema muscolare lo tenne fuori per 5 partite, saltando l'ultima il 19 ottobre 2019, con la sua Salernitana che usciva sconfitta dal Penzo contro il Venezia. Una settimana dopo sarebbe rientrato, tornando a essere il punto fermo dei Cavallucci allora allenati da Ventura. Però, poco più di 365 giorni fa, Jean-Daniel Akpa Akpro era fermo ai box: cappello di paglia bianco in testa, foto sorridente di rito da condividere sui social, aria giustamente spensierata. Un ragazzo comune che si godeva il tempo libero. Ora è cambiato tutto.

CHE DEBUTTO! - Tre presenze in Serie A con la Lazio, il debutto in Champions League ieri sera contro il Borussia Dortmund, nel momento più delicato del match, e il gol del 3-1 che ha tarpato le ali ai sogni di rimonta di Haaland e soci, alimentando, invece, quelli di gloria del club biancoceleste: cross di Immobile, sfondadifese isolato e stanco, gol del centrocampista ivoriano, fresco e lucido, ad accompagnare l'azione. 28 anni, compiuti da pochissimo, e vita ribaltata per l'ex Tolosa, arrivato a Salerno nel febbraio del 2018 da svincolato dopo un'onestissima carriera in Ligue 1: cresciuto e diventato grande nel club transalpino, con la maglia del Téfécé ha messo insieme 132 presenze, 6 gol e 10 assist. Nato terzino e diventato centrocampista, nella sua carriera ha messo in bacheca una Coppa d'Africa con la Costa d'Avorio, nel 2015 (senza mai giocare. Ha partecipato anche al Mondiale del 2014). Ed è con gli elefanti che ha iniziato a stringere un rapporto sincero e profondo con Didier Drogba.

DROGBA E LOTITO - Didier Drogba che si è complimentato con Akpa-Akpro dopo il trasferimento alla Lazio: "Congratulazioni, Akpa Akpro. Sei un esempio da seguire per quelli che pensano di non avere possibilità, il coraggio, la saggezza e la fede che conducono sempre alla riuscita". Impegno, sacrificio, lavoro: l'ex Salernitana ce l'ha fatta, togliendosi la soddisfazione più grande, segnando in quella competizione che il suo vecchio capitano ha vinto, da protagonista, col Chelsea. Il messaggio di Drogba, le parole di Lotito, che stravede per il classe '92. Chiedere a Ventura, che dopo il ko con lo Spezia della scorsa stagione è venuto a conoscere il pensiero del patron laziale: "Sto pezzo di m… è una cosa guarda, questo è matto! Ha tolto Akpa Akpro a centrocampo e ha rovinato tutto". Non ha rovinato niente, invece, Simone Inzaghi, che nel momento più duro si è affidato al centrocampista ivoriano. Che ora può festeggiare. Maglia della Lazio indosso, foto sorridente di rito da condividere sui social, aria giustamente spensierata. E compagni ad abbraciarlo

@AngeTaglieri88