"Un applauso alla guerriera", Grillo saluta così Virginia Raggi

webinfo@adnkronos.com

"Fate un applauso alla guerriera". Così Beppe Grillo in un'incursione sul palco di Italia 5 Stelle mentre teneva il suo discorso Virginia Raggi. Il sindaco di Roma ha raccontato al fondatore del Movimento 5 Stelle che "ogni volta che vogliamo fare qualcosa chiediamo se si può fare, se è legale o illegale. Quando ci dicono che è legale - ha proseguito - e vogliamo farla, la prima volta ci dicono sempre 'no'. Ma quando si mangiavano Roma e facevano cose illegali era sempre 'sì', e ora che proviamo a fare le cose per bene?". Grillo ha quindi risposto: "E' pieno di infamoni" ed è poi risceso dal palco seguito poco dopo dalla Raggi. 

"Ci accusano di essere cambiati, ma attenzione: siamo maturati, dentro e fuori le istituzioni", ha detto la sindaca di Roma dal palco di Italia 5 Stelle aggiungendo: "Sappiamo che significa prendere impegni davanti ai cittadini e quanto costa portare avanti quegli impegni in termini di fatica e di superamento delle opposizioni, spesso anche interne nei palazzi. E' l'era della maturità, è il momento in cui iniziamo a raccogliere i frutti di quanto seminato. E' il momento di fare delle scelte indipendentemente dal consenso che creano, dobbiamo fare le cose giuste perché se non le facciamo noi chi le fa?". 

"Non è facile ma stiamo iniziando a capire che, da quando si passa dall'opposizione a governare, ci sono tanti cambiamenti. In 10 anni come Movimento siamo cambiati", ha detto ancora Raggi. "Quando si sta nelle istituzioni - ha aggiunto Raggi - bisogna prendersi delle responsabilità enormi davanti ai cittadini, davanti alla legge, soprattutto per chiudere processi che non sono stati iniziati da noi, eppure in maniera responsabile li dobbiamo portare avanti. Non è una cosa semplice".