Un avvocato ha picchiato e violentato la colf

Carabinieri
Carabinieri

Un avvocato di 72 anni del foro di Roma è stato denunciato dalla sua colf, che ha dichiarato di essere stata picchiata, violentata e minacciata. L’uomo dovrà rispondere di violenza sessuale e lesioni aggravate.

Avvocato picchia e violenta la colf e la minaccia di toglierle il permesso di soggiorno

Un avvocato di 72 anni è stato accusato di violenza sessuale e lesioni personali aggravate. Avrebbe violentato la colf, minacciandola che se lo avesse denunciato gli avrebbe fatto togliere il permesso di soggiorno. La donna, proveniente dalle Filippine, si è fatta coraggio e ha deciso di denunciare, rivolgendosi ad un centro antiviolenza e ha raccontato la sua versione alla polizia. I fatti sarebbero accaduti nel corso di due anni, tra il 2017 e il 2019. La donna stava cercando lavoro a Roma e ha risposto alla richiesta dell’avvocato. Fin dal primo incontro il proprietario avrebbe avuto un interesse particolare nei suoi confronti, ma lei ha accettato perché aveva davvero bisogno di un lavoro.

L’uomo ha picchiato e violentato la colf

Per la colf è iniziato un vero e proprio incubo. Secondo quanto raccontato, l’uomo l’avrebbe palpeggiata varie volte, chiedendole di massaggiarlo e tentando un approccio fisico, fino ad arrivare a picchiarla e violentarla. Lui le ripeteva che se si fosse opposta o avesse raccontato qualcosa avrebbe raccontato negli ambienti della Roma bene che era una ladra e non avrebbe più lavorato, aggiungendo che le avrebbe fatto togliere il permesso di soggiorno. La donna ha deciso di denunciarlo.