Un bambino di 10 anni ha contratto la salmonella da alcuni wurstel

Wurstel
Wurstel

Un bambino di 10 anni di Caserta ha contratto un’infezione da salmonella gruppo B dopo aver mangiato dei wurstel di pollo e tacchino. L’Asl della città campana ha avviato un’indagine epidemiologica. Il bimbo ha avuto febbre, vomito, diarrea e dolori addominali.

Ritirato il lotto di wurstel responsabile della salmonella

Dopo le opportune verifiche, l’Istituto zooprofilattico del mezzogiorno ha disposto il ritiro del prodotto dal mercato. Si tratta dei wurstel Lecock di pollo e tacchino Scarlino, in confezione da 10 unità da 100 gr cadauna, con lotto/scadenza 02/03/2023 L1. Questo alimento proviene dal Salumificio Scarlino di Taurisano, in provincia di Lecce, ed è particolarmente diffuso nella provincia di Caserta.

Le disposizioni dell’Asl

Nei punti vendita in cui il prodotto è stato distribuito, l’Asl ha disposto di:

  • verificare che vengano immediatamente avviate le procedure per il ritiro dal mercato

  • acquisire le eventuale liste di distribuzione in formato elettronico

  • verificare che il prodotto venga effettivamente ritirato

  • comunicare i casi in cui le procedure di ritiro non siano conformi

  • disporre, se necessarie, le azioni sostitutive a tutela della salute pubblica

  • inserire nell’apposito database le informazioni sui controlli eseguiti

Leggi anche: L’accusa chiede l’ergastolo per Benno Neumair: “Duplice omicidio commesso con piena coscienza e volontà”

Leggi anche: “150 euro a settimana per otto ore al giorno”: è polemica per l’annuncio di un bar di Fuorigrotta