Un bambino su quattro vive in zone di guerra o disastrate

Oggi un bambino su 4 vive in zone colpite da conflitto o da disastro. E nel 2020, 59 milioni di bimbi in 64 Paesi avranno bisogno di aiuto. Per questo l'Unicef ha lanciato il più grande appello ai donatori mai fatto per raccogliere  4,2 miliardi di dollari. La cifra superiore di 3,5 volte rispetto ai fondi richiesti nel 2010.

"Oggi il numero di bambini che hanno bisogno di assistenza, da quando ne teniamo traccia, è il più grande di sempre: 1 bambino su 4 vive in Paesi colpiti da conflitto o disastro", ha dichiarato Henrietta Fore, Direttore generale Unicef.

"Un numero storico di bambini costretti a lasciare le proprie case necessita urgentemente di protezione e supporto. I conflitti restano le cause principali, oltre a fame, malattie infettive ed eventi metereologici estremi legati al cambiamento climatico, che costringono altri milioni di persone a cercare aiuti salvavita".

I 5 più ampi fondi stimati sono per i rifugiati siriani e le comunità ospitanti in Egitto, Giordania, Libano, Iraq e Turchia (864,1 milioni di dollari), Yemen (535 milioni di dollari), Siria (294,8 milioni di dollari), Repubblica Democratica del Congo (262,7 milioni di dollari) e Sud Sudan (180,5 milioni di dollari).