Un bando per far lavorare i profughi ucraini negli ospedali del Garda

no credit

AGI - Due ospedali e cinque presidi territoriali del bresciano offrono lavoro a medici e operatori sanitari ucraini fuggiti dalla guerra. L'iniziativa è stata presa dall'Asst Garda che ha pubblicato un bando di concorso, letto dall'AGI. Il documento prevede l'attivazione di incarichi di collaborazione coordinata e continuativa con validità fino al 4 marzo 2023.

I requisiti per l'accesso sono: la cittadinanza ucraina, con residenza in Ucraina, prima del 24 febbraio scorso; la qualifica professionale conseguita all'estero regolata dalle direttive Ue; la conoscenza dell'italiano e dell'inglese; il possesso di un passaporto europeo per i rifugiati. Oggetto degli incarichi è lo svolgimento di attività medica, sanitaria e assistenziale: per le prestazioni mediche è previsto un compenso di 35 euro l'ora; mentre per quelle sanitarie e assistenziali di 21 euro l'ora.

“Un segno concreto di vicinanza alla popolazione ucraina - commenta il direttore generale dell'Asst Garda, Mario Alparone - e contemporaneamente un riconoscimento professionale di cittadini stranieri che tramite la loro professionalità potranno essere d'aiuto all'interno della sanità territoriale. Un modo per rinforzare gli organici e garantire tutte le prestazioni sanitarie”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli