Un barcone di migranti in bronzo: la statua inaugurata dal Papa

barcone migranti bronzo

Si chiama Angeli inconsapevoli la scultura in bronzo che raffigura un barcone di migranti provenienti da tutto il mondo. L’opera è apparsa in piazza San Pietro nella Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, che si festeggia domenica 29 settembre. A bordo sono presenti 140 persone di diversi luoghi ed epoche storiche: al centro, invece, spuntano le ali di un angelo. L’artista era presente in piazza: si tratta di Timothy Schmalz, autore di Gesù senza tetto, che si trova presso l’Elemosina apostolica in Vaticano.

Un barcone di migranti in bronzo

Papa Francesco ha inaugurato la statua in bronzo realizzata da Timothy Schmalz: a bordo del barcone ci sono 140 migranti e due ali d’angelo. Le persone provengono dai più svariati luoghi del pianeta. Ci sono gli indigeni e gli ebrei della Germania nazista, i siriani che fuggono dalla guerra e gli africani che scappano dalla fame. Il Pontefice ha celebrato la messa nella Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato: “Desidero salutare tutti voi che avete partecipato a questo momento di preghiera, con il quale abbiamo rinnovato l’attenzione della Chiesa per le diverse categorie di persone vulnerabili in movimento”.

Per inaugurare la scultura, inoltre, ha detto: “In unione con i fedeli di tutte le Diocesi del mondo abbiamo celebrato la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, per riaffermare la necessità che nessuno rimanga escluso dalla società, che sia un cittadino residente da molto tempo o un nuovo arrivato. Per sottolineare tale impegno tra poco inaugurerò la scultura che ha come tema queste parole della Lettera agli Ebrei: ‘Non dimenticate l’ospitalità; alcuni, praticandola, senza saperlo hanno accolto degli angeli’ (13,2). Tale scultura, in bronzo e argilla, raffigura un gruppo di migranti di varie culture e diversi periodi storici. Ho voluto questa opera artistica qui in Piazza San Pietro affinché ricordi a tutti la sfida evangelica dell’accoglienza“.