Un cittadino su tre ad Alzano ha sviluppato anticorpi anti-Covid

Ad Alzano Lombardo nessuno ha il coronavirus

Fra gli abitanti di Alzano Lombardo, uno dei comuni più duramente colpiti dalla pandemia, nessuno è positivo al coronavirus. È quanto mostrano gli esiti dei test seriologici fatti nel comune in provincia di Bergamo, fra i più colpiti dalla prima ondata della pandemia.

Gli abitanti di Alzano Lombardo e il coronavirus: i dati

In Val Seriana sono stati condotti test seriologici dopo che l’intera area ha patito la pandemia di Covid-19. I primi cittadini che si sono sottoposti ai tamponi sono stati quelli del comune, insieme ad Albino e Nembro, le altre città colpite in provincia di Bergamo. L’obiettivo dei ricercatori è stato quello di monitorare l’andamento dell’epidemia e tracciare un mappa attuale del contagio. I dati mostrano che fra 2.845 cittadini testati nei primi otto giorni di luglio, nessuno è risultato infetto.

Interessanti anche i numeri dei test sierologici, perché il 35% degli abitanti mostra di avere gli anticorpi: circa una persona su tre.

L’inchiesta sull’ospedale di Alzano: cosa sappiamo

Intanto, continuano le indagini sulla mancata chiusura dell’ospedale di Alzano. Nelle prime fasi della pandemia, il 23 febbraio scorso, l’ospedale sarebbe stato chiuso e riaperto nel giro di tre ore. Questo, stando agli inquirenti, avrebbe causato l’espandersi del Covid-19 facendo della città il più grave focolaio lombardo. A giugno scorso, la procura di Bergamo ha iscritto nel registro degli indagati due nomi: stando alle prime informazioni, non si tratterebbe di nessun dirigente o medico dell’Azienda socio-sanitaria territoriale di Seriate.

I reati su cui sta indagando la Procura sono tentata epidemia e omicidio colposi.

Il nostro obiettivo è quello di creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano interagire tra loro sulla base di interessi e passioni comuni. Per migliorare l’esperienza della nostra community abbiamo sospeso temporaneamente i commenti agli articoli.