Un detenuto del Tennessee giustiziato (per sua scelta) sulla sedia elettrica

Un detenuto è stato giustiziato sulla sedia elettrica, per sua scelta, in Tennessee, dove era stato condannato a morte nel 1986 per aver ucciso a coltellate una donna e la figlia di 15 anni. La scelta della sedia elettrica al posto dell'abituale iniezione letale, consentita ai condannati prima del 1999, aveva forse l'obiettivo di guadagnare tempo ma così non è stato dopo che il governatore repubblicano dello Stato meridionale degli Usa, Bill Lee, ha respinto la sua richiesta di clemenza e anche la Corte suprema ha negato un rinvio in extremis.


LEGGI ANCHE: Trump ripristina la pena di morte. Dove e come si muore negli Usa


L'esecuzione del 59enne Stephen West, che a partire dal 2001 era stata rinviata più volte, è avvenuta nel penitenziario di massima sicurezza Riverbend di Nashville e il detenuto è stato dichiarato morto alle 19 e 27 (ora locale, le 2,27 in Italia). Quella nel Tennessee è stata l'undicesima esecuzione negli Stati Uniti quest'anno, la seconda in due mesi con la sedia elettrica in questo Stato.

West, che nei 33 anni in carcere era diventato profondamente religioso, prima di essere giustiziato ha invocato Gesù e ha pianto. Lui si è sempre dichiarato innocente degli omicidi affermando che a uccidere era stato il suo complice 17enne Ronnie Martin, peraltro reo confesso ma all'epoca minorenne e quindi non condannabile a morte.


LEGGI ANCHE: Usa, Salvini: per chi ammazza ergastolo, contrario a pena morte


"Siamo profondamente delusi che lo Stato del Tennessee abbia proceduto all'esecuzione di un uomo a cui era stata diagnosticata una grave malattia mentale", ha commentato il team legale che difendeva West, "era un uomo di profonda fede che per decenni ha avuto un impatto positivo su quanti lo hanno conosciuto e un uomo che, malgrado le prove schiaccianti che non avesse commesso quegli omicidi, si è sempre assunto la responsabilità per il suo coinvolgimento".