Un esperto di linguaggio del corpo li ha osservati durante il discorso, elencati ed evidenziati

Vladimir Putin
Vladimir Putin

Secondo un articolo del britannico Mirror ci sono tre segni che indicherebbero la malattia di Vladimir Putin ed un esperto inlglese di linguaggio del corpo li ha osservati durante il discorso, elencati ed evidenziati. Il tema di una qualche patologia che possa aver colpito Putin è diventato tema centrale, specie nel Regno Unito dove la notizia di una malattia certa di Putin sembra quasi essere attesa come la manna. Vero è che ormai in tutto il mondo gli esperti stanno analizzato anche i minimi gesti.

I tre segni della malattia di Vladimir Putin

Lo scopo è capire se lo zar sia malato e il mezzo usato dal Mirror è un esperto di cinesica. Che cosa è? Si tratta dello studio del linguaggio del corpo e secondo Mike Carter quello di Putin dice che lo zar è malato. Gli step sono tre, ecco il primo. Durante il suo discorso del 9 maggio Vladimir Putin fa respiri molto superficiali mentre parla, sembra in affanno. E Carter ha detto: “Tratteniamo il respiro o respiriamo in questo modo quando qualcosa fisicamente o mentalmente non va bene Il suo respiro è molto superficiale, il che potrebbe essere una sorta di dolore che sta sopportando. Il fiato corto è un’altra indicazione che qualcosa potrebbe non andare”. E il movimento di Putin, cioè il segno due? Quello del leader di Mosca sarebbe stato una sorta di “dondolio avanti e indietro”.

Respiro corto, dondolio e piedi divaricati

Per Carter quel movimento “può segnalare agitazione”, ma può anche indicare un problema di salute. E il presunto (a questo punto molto presunto) terzo sintomo che il capo del Cremlino stia male? Lo zar mette sempre i piedi divaricati per assumere una “posizione di potere”, ma anche perché è “un modo che potrebbe anche impedirgli di cadere”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli