Un focolaio che ha portato alla positività di sessanta persone

·2 minuto per la lettura
San Benedetto del Tronto 17enne contagiata
San Benedetto del Tronto 17enne contagiata

A San Benedetto del Tronto un 17enne è attualmente ricoverata in terapia semi intensiva dopo aver contratto il covid-19 ad una festa organizzata in un locale della zona dove è divampato un focolaio. Stando a quanto rivelato da Fanpage la giovane si troverebbe all’ospedale Madonna del Soccorso e le sue condizioni vengono descritte come in costante monitoraggio da parte dei medici del nosocomio.

San Benedetto del Tronto, 17enne contagiata è in terapia semi-intensiva

Allo stato attuale, il focolaio di contagi partito a seguito della festa nel locale della riviera ha provocato ben sessanta nuovi casi. Dal Resto del Carlino si apprende poi che alcuni di loro, quattro stando ai dati fin qui certificati, sono risultati positivi alla variante Delta. È ipotizzabile pensare che anche tutti gli altri contagi della festa in riviera possanno risultare positivi alla variante Delta, ma mancando la certezza medica anche le autorità sanitarie non possono sbilanciarsi.

17enne contagiata ad una festa a San Benedetto del Tronto

Il direttore di patologia clinica dell’Area vasta 5, Antonio Fortunato, si è così espresso in merito ai casi di variante Delta riscontrati sul territorio: “Quattro sono dei primi ragazzi che hanno fatto il tampone in seguito al focolaio sviluppatosi lungo la costa, e tre sono di persone straniere. Ne manderemo degli altri mercoledì prossimo, ne abbiamo più di trenta fermi in laboratorio del cluster di San Benedetto, ma – ha precisato – essendo appunto dello stesso cluster non ha senso sequenziali tutti, sarebbe una spesa inutile in quanto è facilmente ipotizzabile che avranno tutti la stessa variante”. In merito al cluster, Fortunato ha anche aggiunto che, di pari passo con il sequenziamento genetico dei tamponi, prosegueno anche il tracciamento e i tamponi molecolari collegati alla festa. Fino a questo momento i positivi riscontrati, pur avendo tutti una carica virale molto alta, sono nella maggior parte dei casi asintomatici o paucisintomatici ad esclusione delle 17enne ricoverata in terapia semi-intensiva.

San Benedetto del Tronto, 17enne contagiata in un focolaio Delta

Non mancano poi le polemiche, rilanciate dallo stesso direttore di patologia clinica Fortunato, in merito alla carenza di personale a disposizione del laboratorio per poter lavorare una mole così ampia e improvvisa di tamponi. “Il laboratorio è pronto per analizzare i tamponi di tutti – ha detto il medico – ma i risultati non si avranno prima di lunedì sera (5 luglio 2021 ndr ). Questo perché non abbiamo tecnici a sufficienza per processarli. Purtroppo, tra chi è andato via perché era precario ed è stato assunto da altre aziende sanitarie, e chi è in ferie, siamo un po’ in difficoltà. Il laboratorio del Mazzoni – ha proseguito – non si è mai fermato con la pandemia, ma allo stesso tempo non è stato ancora premiato con personale aggiuntivo nonostante abbia dato una mano a tutta la regione”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli