Un fotografo denuncia un "arresto violento" durante il Pride di Istanbul

·1 minuto per la lettura

AGI - Il fotografo di Afp, Bulent Kilic, arrestato ieri dalle forze di sicurezza turche mentre copriva le manifestazioni del "pride" di Istanbul, è stato rilasciato dopo alcune ore di detenzione. La marcia era stata vietata dalle autorità.

Appena rilasciato, il fotografo pluripremiato ha detto di aver presentato una denuncia per essere stato trattato in modo violento al momento dell'arresto, tenuto schiacciato al suolo con le ginocchia premute su collo e schiena, "mentre stava solo facendo il suo lavoro di giornalista". Immagini diffuse sui social network confermano la sua versione dei fatti; la sua macchina fotografica è stata danneggiata durante l'arresto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli