Un giovane di Amelia il super ‘collezionista’ di best-seller

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 10 gen. (askanews) - E' originario di Amelia il "collezionista di libri", al secolo Filippo Bernardini, 29 anni, arrestato mercoledì al suo arrivo all'aeroporto Jfk di New York per phishing, una truffa informatica. La Nazione dell'Umbria racconta: L'uomo, per l'Fbi che conduce da anni l'inchiesta, avrebbe "impersonato, defraudato e tentato di frodare centinaia di individui" riporta The Guardian, per ottenere lavori inediti e bozze di libri. Bernardini, che ha lavorato per l'editore britannico Simon & Schuster, è stato accusato di frode telematica e furto di identità aggravato in un Tribunale distrettuale di New York. Secondo l'accusa, dal 2016 avrebbe registrato più di 160 domini internet falsi per impersonare altri. L'arresto di Bernardini, scrive The Guardian, potrebbe aver messo fine a un mistero che ha agitato il mondo letterario da cinque anni, durante i quali sono stati presi di mira centinaia di manoscritti inediti. Tra i manoscritti "rubati", quelli di opere attesissime di Margaret Atwood e Sally Rooney. Tra le 'vittime' anche Dan Brown. Il giovane rischia una condanna a 20 anni. Non è chiaro però cosa facesse con i manoscritti, tanto che non ne avrebbe ricavato vantaggi economici. Insomma non sarebbero stati ne' rivenduti, ne' riutilizzati. Da qui la definzione di 'collezionista di libri' , forse per passione o per trarne ispirazione. Filippo , che da anni vive all'estero, è il figlio di Piero, medico, consigliere comunale di Amelia, candidato sindaco alle ultime amministrative, ex segretario del Pd, confermano dal partito, ma entrato in rotta con i "dem' proprio nelle recenti elezioni comunali

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli