Un incarico senza tante condizioni

Alessandro De Angelis
L'esame, severo e scrupoloso, annunciato alla vigilia, densa di imbarazzi sul

L'esame, severo e scrupoloso, annunciato alla vigilia, densa di imbarazzi sul curriculum professionale e di dubbi su quello politico, si è risolto senza tanti problemi con l'incarico pieno affidato al Professor Conte. L'"avvocato del popolo", di fronte al capo dello Stato, non ha dovuto sostenere l'improba fatica di dare spiegazioni e chiarimenti sul suo rigore morale, se cioè sia una vittima innocente di una campagna di fango o un peccatore come tanti, sia pur macchiato di peccati veniali.

Il lungo colloquio col capo dello Stato è servito soprattutto, oltre che a conoscersi, a mettere a punto quel comunicato, letto alla Vetrata, dove anche a un osservatore inesperto non sfuggirebbero le due mani, con cui è stato scritto, evidentemente diverse anche nello stile. La prima parte, cara al Quirinale, di fedeltà europeista e di "conferma della collocazione internazionale dell'Italia". La seconda, preparata dallo staff pentastellato prima della sua salita al Colle, sul "governo del cambiamento", "l'avvocato del popolo", il "rispetto del contratto". Due parti, due penne che, per ora, non fanno una sintesi, lasciando nell'ambiguità quelle questioni sostanziali che, nelle scorse settimane, il capo dello Stato aveva sollevato nei suoi discorsi pubblici a Fiesole e Dogliani. Perché, alla Vetrata, non viene chiarito cosa si intenda per difesa dell'"interesse nazionale" proprio in relazione al prossimo negoziato europeo o, per dirne un'altra, quali siano le "alleanze opportune", sempre in Europa, per realizzarlo.

La verità è che il capo dello Stato, rispetto agli auspici delle scorse settimane, si è trovato a confrontarsi con la durezza di una trattativa di tipo nuovo, lontana da quell'antica grammatica e da quel desueto galateo istituzionale di cui Mattarella è sapiente interprete. Parliamoci chiaro: il capo dello Stato è stato posto di fronte a un bivio, col rude linguaggio della forza e con le maniere brusche che caratterizzano questa nuova epoca di...

Continua a leggere su HuffPost