Un killer confessa dopo aver ucciso un anziana

·2 minuto per la lettura
La Polizia ferma due uomini per l'omicidio Cocchi a Milano
La Polizia ferma due uomini per l'omicidio Cocchi a Milano

L’omicidio è avvenuto a Milano intorno alle 14, quando un’anziana signora di circa 90 anni è stata uccisa a coltellate per mano del suo vicino, Mario Abraham Calero Ramirez, e dell’amico Carlos Gabriel Velasco.

90enne uccisa a Milano

Mario, uomo di 44 anni, ed il suo complice Carlos, 22enne, avevano già assunto alcool intorno a mezzogiorno nei pressi del parco Sammartini. Successivamente, verso le 14, i due assassini sono nel palazzo di via Ponte Seveso 26, dove abitano sia Mario che Fernanda Cocchi, la vittima 90enne.

Hanno atteso che la donna uscisse di casa prima di stringerle il braccio attorno il collo e tapparle la bocca con una mano. A questo punto una volta in casa, Calero Ramirez ha colpito l’anziana con il manico del coltello per stordirla, mentre Carlos Gabriel l’ha accoltellata prima alla testa e poi al collo.

90enne uccisa a Milano: la confessione

I due killer sono stati fermati il giorno successivo l’omicidio e hanno immediatamente rivelato agli agenti della Squadra Mobile di Milano e agli inquirenti i particolari sull’omicidio, che hanno permesso una ricostruzione rapida dell’accaduto.

Secondo l’accusa i due avrebbero agito sin da subito con l’intento di uccidere, nonostante le dichiarazioni di Mario Abraham: «Quando la signora ha smesso di urlare, ho capito che era morta». Infatti, Fernanda Cocchi avrebbe tentato inutilmente di chiedere aiuto, ma nessuno l’avrebbe sentita.

90enne uccisa a Milano: omicidio premeditato

Grazie alle confessione, secondo la Squadra Mobile non ci dovrebbe essere alcun dubbio sul fatto che si tratti di un assassinio pensato e pianificato. Calero Ramirez avrebbe infatti riferito all’amico del fatto che si potessero rubare soldi e oggetti di valore in casa dell’anziana, e da lì è nato il piano.

Infatti, dopo aver uccido la 90enne hanno rubato dall’appartamento un paio di collane d’oro, 40 euro dal portafoglio e un paio di occhiali. Infine, hanno cercato di fare fuoco alla casa per nascondere le prove, ma l’avviso dei coinquilini e il tempestivo intervento dei vigili del fuoco hanno sventato il possibile incendio.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli