Un legale americano "è diventato" un gatto nel corso di un processo online

·1 minuto per la lettura
https://twitter.com/KristinOropeza/status/1359408746854682626/photo/1
https://twitter.com/KristinOropeza/status/1359408746854682626/photo/1

Negli Stati Uniti d’America, un avvocato si è improvvisamente trasformato in un gatto, attivando per errore un filtro incluso nella piattaforma per videoconferenze Zoom mentre discuteva un’udienza virtuale.

Avvocato applica filtro su Zoom e si trasforma in un gatto

L’udienza recentemente tenuta nell’aula virtuale del giudice Roy Ferguson, afferente al tribunale del 394esimo distretto dello Stato americano del Texas, verrà ricordata come un aneddoto indelebile nell’ambito della storia del diritto. Nel corso dell’udienza, infatti, un avvocato si è accidentalmente tramutato in un gatto, attivando un filtro disponibile su Zoom.

Notando l’immagine, il giudice ha avvisato il legale affermando: «Ritengo che abbia un filtro attivato… Posso sentirla ma credo ci sia un filtro». L’avvocato, allora, ha tentato di risolvere il problema ma senza successo e, palesemente imbarazzato, ha risposto al giudice Ferguson ammettendo: «Non riesco a rimuoverlo… Non sono un gatto».

L’episodio è stato ulteriormente commentato dal giudice con un post pubblicato sul suo account Twitter ufficiale, nel quale dichiara: «I media possono usare il video. È stato registrato durante un’udienza virtuale nel 394esimo distretto del Texas e rilasciato a scopo educativo. È fondamentale che questo video non venga utilizzato per deridere gli avvocati ma, al contrario, per evidenziare la dedizione della comunità legale verso la causa della giustizia».