Un libro racconta la battaglia di Bergamo e Brescia contro il Covid

AGI - Divise su tutto, ma affratellate dall'emergenza, Brescia e Bergamo hanno combattuto insieme la battaglia contro il coronavirus. E proprio dei drammatici eventi che hanno segnato queste province lombarde in particolare si occupa il libro, una sorta di instant book, 'La Storia del Coronavirus a Bergamo e Brescia', che ripercorre i mesi che hanno cambiato la vita di migliaia di persone e in alcuni paesi hanno cancellato un'intera generazione di uomini, donne, nonni e nonne.

Oltre 5 mila le vittime nelle due province

È un viaggio nell'epicentro della pandemia lombarda, dove il Covid-19 si è portato via migliaia di persone, oltre 5000, e ne ha contagiate parecchie di più.

A raccontare tutto questo per Typimedia Editore è un giornalista che ha vissuto sul campo quei terribili giorni. Giuseppe Spatola, vicepresidente dei cronisti lombardi già al Corriere della Sera, inviato di Bresciaoggi e corrispondente lombardo di Agi.

La sua narrazione parte dall'abbraccio simbolico tra Bergamo e Brescia, per arrivare a raccontare il miracolo dell'ospedale da campo, costruito dagli Alpini in appena otto giorni.

Le moderne capitali del dolore

“Perdonatemi se non uso metonimie o giri di parole, ma il Coronavirus dopo mesi di trincea mi ha tolto la capacità di mediare e mentire - dice Giuseppe Spatola raccontando il lavoro fatto nel quotidiano che ha cercato di trasferire nel libro- se è vero che i numeri della pandemia disegnano scenari inimmaginabili, la realtà è oltre ed è un dramma senza fine. Brescia e Bergamo sono diventate moderne capitali del dolore dove due generazioni di uomini e donne sono state spazzate via da un morbo che per alcuni doveva essere «poco più di una influenza». Alla faccia"

"Credetemi - afferma ancora Spatola - in 25 anni di carriera giornalistica, da inviato, di cadaveri ne ho visti e raccontati a decine. Sono il classico «nerista» cresciuto sul marciapiede e davanti a un servizio di cronaca sono sempre stato il primo a partire e l'ultimo a tornare. Ho sempre detto che, una volta messomi in strada, sarei stato in grado di portare a casa sempre una riga più degli altri. Ma oggi, ogni sera che chiudo le pagine del Bresciaoggi, mi ritrovo a piangere da solo. Piango perché fare ogni giorno la macabra conta di incolpevoli morti segna il cuore e blocca la tastiera. Penso che non ci siano parole per poter rispettare tutti questi lutti. Io da un mese scrivo e conto ogni benedetta croce che non ha potuto avere un saluto, un abbraccio e una benedizione. Per tutte queste vittime innocenti il libro dovrà essere un monumento scritto della memoria che inviti a ragionare e a mai dimenticare”.

La storia della 'nonna di ferro'

Giuseppe Spatola racconta tra l'altro la storia della nonna di ferro che, a 100 anni, ha sconfitto il virus rimanendo a casa. Ma anche delle aziende che hanno convertito la propria produzione per fornire il gel igienizzante alla popolazione, o di altre che hanno reclutato operai volontari per costruire le bombole di ossigeno salvavita. Un dramma lungo settimane, passato dalla strage delle Rsa, che ha squassato anche l'economia, provocando oltre 8 miliardi di mancato fatturato alle imprese che sono la locomotiva dell'Italia, a cui però il presidente Mattarella e Papa Francesco – più di una volta hanno fatto sentire la loro vicinanza.

Luigi Carletti, editore Typimedia:“La Storia del Coronavirus a Bergamo e Brescia è un'opera per onorare le vittime, ricordare chi ha combattuto in prima linea e capire gli errori da non ripetere mai più. Un'opera di memoria e di corale consapevolezza”.