Un lodge di design sui monti della California

Di Emanuela Mastropietro
·2 minuto per la lettura
Photo credit: Gianni Franchellucci
Photo credit: Gianni Franchellucci

From Marie Claire

Nella foto: immersa nella foresta sulle alture della Sierra Nevada, la dimora di villeggiatura si sviluppa su due piani. Le vetrate e il rivestimento in legno di cedro, risorsa della regione, promuovono una perfetta fusione con il paesaggio. Il parco privato ha una superficie di oltre cinquemila e seicento metri quadrati.

Valico sul versante settentrionale della Sierra Nevada, in California, il Donner Pass era una tappa obbligata per le carovane alla conquista della nuova frontiera americana. A 2.150 metri d'altitudine, il rigore dell'inverno e le abbondanti nevicate mettevano a dura prova le famiglie di migranti che nel XIX secolo inseguivano il sogno di raggiungere le praterie della Sacramento Valley. La memoria di quelle epiche spedizioni è ora celebrata nel museo di Truckee, principale centro della contea divenuta un'importante destinazione turistica. Sui pendii ricoperti di maestose conifere, i sentieri dei pionieri hanno lasciato il posto alle strade percorse da migliaia di visitatori attirati dalle piste da sci, i campi da golf, le spiagge del cristallino Lake Tahoe.

Photo credit: Gianni Franchellucci
Photo credit: Gianni Franchellucci

[/image]

Photo credit: Gianni Franchellucci
Photo credit: Gianni Franchellucci
Photo credit: Gianni Franchellucci
Photo credit: Gianni Franchellucci
Photo credit: Gianni Franchellucci
Photo credit: Gianni Franchellucci









Photo credit: Gianni Franchellucci
Photo credit: Gianni Franchellucci



Photo credit: Gianni Franchellucci
Photo credit: Gianni Franchellucci

A metà strada tra Truckee e le sponde del lago, questa residenza per le vacanze – cinquecentocinquantadue metri quadrati su doppio livello – è all'interno di Martis Camp: esclusivo resort suddiviso in seicentocinquanta appezzamenti. Un'ampia zona giorno e cinque camere da letto dotate di bagno si snodano in moduli disposti a semicerchio lungo un patio centrale, chiuso alle estremità dal garage e dal campo da squash. Le maxivetrate incorniciano un paesaggio boschivo dove cedri, pini di Jeffrey e Ponderosa compongono una tavolozza di rifulgente bellezza, con le loro sfumature verdi e marroni. «Per merito delle numerose aperture verso l'esterno, spostandosi da una stanza all'altra sembra di passeggiare nella foresta», osserva Kris Foss, interior designer dello studio Hills and Grant a Lafayette e qui autrice della decorazione. Lo scenario l'ha ispirata pure nella scelta dei materiali. «Mi sono affidata al calore del noce nazionale, una varietà pregiata e particolarmente solida. Ideale per esaudire il desiderio dei proprietari, una giovane coppia di San Francisco con due bambini, che aspirava a uno spazio intimo e assieme raffinato».


Photo credit: Gianni Franchellucci
Photo credit: Gianni Franchellucci
Photo credit: Gianni Franchellucci
Photo credit: Gianni Franchellucci
Photo credit: Gianni Franchellucci
Photo credit: Gianni Franchellucci
Photo credit: Gianni Franchellucci
Photo credit: Gianni Franchellucci


Il legno massello, spesso associato all'acciaio laminato a caldo delle finiture per un tocco contemporaneo, ricorre nei mobili: «Creazioni su misura da artigiani e brand locali. Valorizzarli si è tradotto anche nella riduzione dell'impatto ambientale durante il trasporto». Nel living, inoltre, Foss ha affidato al fuoriclasse californiano Daniel Ogassian il rivestimento dell'imponente camino: «Le piastrelle di ceramica nera realizzate a mano apportano all'elemento architettonico una suggestiva dimensione artistica». A completare il décor intervengono pezzi di ricercato design in una coerente palette di bruni, grigi e blu, interrotta qua e là da pennellate accese, «come l'arancione delle panche nella cucina e il melanzana delle pareti nella family room», conclude Kris. Veri e propri intermezzi ludici, espressione dello spirito libero dei padroni di casa.