Un Milan da sogno: nel 2018 secondo solo alla Juventus

La squadra di Gattuso ha cambiato marcia nell'anno solare, che coincide con il girone di ritorno: a tre punti dalla Juventus, con una gara in meno...

Nemmeno nei migliori sogni, probabilmente, Mirabelli e Fassone speravano in un cambio di marcia così netto del Milan con l'arrivo di Gennaro Gattuso. C'è voluto circa un mese (a dicembre) per trovare la quadratura del cerchio, poi i rossoneri non si sono più fermati.

Come evidenzia la 'Gazzetta dello Sport', prendendo in considerazione soltanto il 2018, e quindi l'inizio del girone di ritorno, il Milan è dietro per punti realizzati solamente alla Juventus. Ma i rossoneri hanno anche una partita in meno (il Derby da recuperare contro l'Inter) e quindi potenzialmente potrebbero anche essere leader in questa speciale classifica.

Numeri che certificano la rincorsa alla Champions League da parte di Gattuso, che ormai adesso non è più un miraggio ma un solido obiettivo. Tra l'altro proprio Juventus e Milan si troveranno di fronte al rientro dalla sosta, giorno 31 marzo. Dopodiché il 'Diavolo' affronterà l'Inter nel recupero del Derby, il Sassuolo ed il Napoli: due settimane che inevitabilmente indirizzeranno la stagione...

Tornando ai numeri nel 2018 del Milan: 25 punti in 9 partite, quindi 8 vittorie e 1 pareggio (quello contro l'Udinese). Una media da paura che certifica anche una fase difensiva rigenerata: il Milan con cinque reti subite resta la seconda miglior difesa in Italia e anche nei cinque principali tornei europei, superato solo dalla Juventus che non ha ancora raccolto un solo pallone da dentro la sua porta.

Di fatto nel nuovo anno Gattuso ha sbagliato soltanto due partite: la doppia sfida in Europa League contro l'Arsenal, che ha eliminato i rossoneri dalla competizione. Sconfitte però perdonabili, visto il livello dell'avversario e la poca esperienza in campo internazionale della rosa del Milan.

Adesso Gattuso si gioca tutto nel giro di due settimane (con le sfide sopra citate), prima che il calendario poi torni a presentare sfide più agevoli fino al termine della stagione. Ovviamente senza considerare la finale di Coppa Italia contro la Juventus...