"Un mondo senza madri non ha avvenire", dice Papa Francesco

Eliana Ruggiero
·1 minuto per la lettura

AGI - "Abbiamo bisogno di maternità, di chi generi e rigeneri vita con tenerezza, perché solo il dono, la cura e la condivisione tengono insieme la famiglia umana". Cosi' Papa Francesco ricevendo in Udienza i docenti e gli studenti della Pontificia Facoltà Teologica Marianum di Roma, in occasione del 70esimo anniversario di fondazione della facoltà.

"Pensiamo al mondo senza le madri: non ha avvenire. Gli utili e il profitto, da soli, non danno futuro, anzi a volte accrescono disuguaglianze e ingiustizie. Le madri, invece, fanno sentire ogni figlio a casa e danno speranza", ha sottolineato il Pontefice.

Il ruolo della donna è "essenziale per la storia della salvezza, non può che esserlo per la Chiesa e per il mondo. Ma quante donne non ricevono la dignità loro dovuta!", ha detto Papa Francesco. "La donna, che ha portato Dio nel mondo, deve poter portare i suoi doni nella storia. C'è bisogno del suo ingegno e del suo stile", ha sottolineato il Pontefice.

"Ne ha bisogno la teologia, perché non sia astratta e concettuale, ma delicata, narrativa, vitale. La mariologia, in particolare, può contribuire a portare nella cultura, anche attraverso l'arte e la poesia, la bellezza che umanizza e infonde speranza. Ed è chiamata a ricercare spazi più degni per la donna nella Chiesa, a partire dalla comune dignità battesimale. Perché la Chiesa, come ho detto, è donna. Come Maria, è madre, come Maria", ha aggiunto.