Un nuovo bosco urbano per Udine: sostenibilità secondo Genertel

featured 1671312
featured 1671312

Udine, 16 nov. (askanews) – Un nuovo bosco urbano per la città di Udine con oltre 3mila piante è stato realizzato da Arbolia con il contributo di Accenture e di Genertel, la compagnia assicurativa diretta di Generali. A regime, la nuova area verde consentirà di assorbire fino a 622 tonnellate di CO2 in 20 anni e fino a 762 Kg di PM10 all’anno, restituendo all’ambiente fino a 456 tonnellate di ossigeno in 20 anni. Numeri e impegni significativi, che rispondono all’attenzione alla sostenibilità portata avanti da Genertel attraverso il programma Begood.

“Begood – ha spiegato ad askanews Maurizio Pescarini, amministratore delegato di Genertel – è il nostro programma di social responsabilità dedicato alla nostra comunità di clienti che prevede la possibilità di accumulare punti, sotto forma di cuoricini in funzione dei comportamenti che il cliente adotta. Per esempio parliamo di preferire i documenti in digitale rispetto a quelli in cartaceo, di non fare sinistri, di avere unoì stile di guida responsabile come misurato dalla telematica, o

anche di preferire funzionalità in self service piuttosto che assistita. In questo il cliente alcun una dei punti che poi noi a fine anno convertiamo in donazioni monetarie per diverse cause”.

In particolare i filoni sostenuti al momento sono quelli del sociale, della salute e, in questo caso, dell’ambiente. Il tutto nell’ottica più ampia di un ragionamento strutturale sulla sostenibilità intesa anche come impegno nelle comunità.

“La sostenibilità è uno degli elementi portanti della strategia del Gruppo Generali, sostenibilità permeante all’interno di ogni azione che facciamo come unità di business: questo è uno dei modi in cui interpretiamo la sostenibilità all’interno del modello di Genertel e continueremo in futuro a estenderla anche ad altri componenti”.

Il nuovo bosco urbano sorge nella periferia est di Udine. Oltre ad apportare benefici alla qualità dell’aria, l’intervento ha permesso di sviluppare una cintura verde all’interno di un contesto fortemente agricolo e caratterizzato prevalentemente da coltivazioni, dando vita a una importante nicchia ecologica in grado di salvaguardare e incrementare la biodiversità della zona.