Un patto per il futuro. Ciclo e Riciclo (VIDEO)

Carlo Renda
·Vicedirettore HuffPost
·2 minuto per la lettura

(Video con intervista a Walter Ganapini, uno dei fondatori di Legambiente e presidente di Greenpeace)

Deal for Future. Un patto per il futuro serve da tutti i punti di vista: ambientale, economico, sociale. Per renderlo possibile bisogna spiegare con chiarezza qual è la posta in gioco e quali benefici ne possiamo trarre. E’ lo scopo di questa serie di filmati che Terra ospiterà. Si tratta di un progetto composto da una raccolta di brevi video (circa tre minuti l’uno) nei quali, attraverso un’intervista a un esperto, sono raccontati i temi dello sviluppo sostenibile. In modo da dare a ognuno gli strumenti per orientarsi nell’attuale crisi epidemiologica e ambientale.

Questa serie nasce dalla collaborazione fra tre case di produzione video italiane che da anni si occupano di documentari e progetti video legati all’ambiente: Kfield Comunicazione, 2FG Bros, Bardo Filmhouse. Tutti i temi del documentario riguardano il futuro sostenibile, per individuare le strade percorribili nel breve e lungo termine nei diversi campi: agricoltura, allevamento, alimentazione, spostamento delle persone, spostamento delle merci, emissioni atmosferiche, estrazione di materie prime, riciclo, smaltimento rifiuti, preservazione degli habitat, economia, educazione...

“Riteniamo che il tema principale di questo decennio sia quello della sostenibilità ambientale, sociale ed economica”, raccontano Filippo e Francesco Grecchi (2FG Bros) registi di Deal for Future. “Uno dei pericoli maggiori quando si tratta un argomento di tale importanza e risonanza è quello di cadere nella retorica, nella polemica o nella superficialità. Quindi abbiamo scelto di indagare il tema sostenibilità in diversi settori, lasciando la parola a coloro che se ne occupano da molti anni, per avere un punto di vista lucido e aggiornato. Ogni persona che abbiamo scelto di intervistare si impegna quotidianamente per rendere più sostenibile il proprio settore e rappresenta quindi una testimonianza diretta e un motivo di speranza. Abbiamo cercato di costruire interviste molto chiare, che arrivino al cuore del problema analizzandone le criticità ed esaltando le buone pratiche, ovvero le vie per la salvezza. Abbiamo scelto un formato dinamico: video di breve durata con molte immagini rappresentative; vogliamo convogliare messaggi importanti attraverso una comunicazione essenziale e moderna; toccando le giuste corde sarà il pubblico a voler approfondire l’argomento in questione e il web per fortuna offre molte possibilità per farlo.”

“Ci occupiamo di comunicazione e sostenibilità vera, insomma di un futuro migliore per tutti”, aggiunge Francesco Carcano, di Kfield Comunicazione. “La pandemia ha mostrato la totale fragilità del nostro modello di vita, centrato su produttivismo e consumo. ‘La normalità era il problema’ hanno scritto su un muro in Spagna. E noi durante il lockdown ci siamo chiesti: chi è oggi che cerca davvero un nuovo modo di pensare la società, l’economia, il vivere quotidiano e quali meccanismi economici e sociali ci hanno portato oggi ad indossare tutti una mascherina sul volto? Siamo andati a cercare alcune di queste persone per intervistarle sulla loro idea di futuro”

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.