Un ragno violino è stato estratto dall’orecchio di una donna

ragno violino usa

Negli Stati Uniti una donna di Kansas City – Susie Torres, era convinta di avere dell’acqua nell’orecchio, dove accusava da parecchi giorni un certo fastidio. Una volta dal medico l’inaspettato responso: la presenza di un ragno violino. Immediato l’intervento dei dottori, che hanno estratto l’insetto dall’orecchio della donna, che ha mantenuto il sangue freddo per tutta la durata dell’operazione.

VIDEO - Brutta sorpresa post vacanze

Trovato ragno violino nell’orecchio

Un semplice – ma continuo, fastidio all’orecchio ha spinto Susie Torres, una donna di Kansas City, negli Stati Uniti, ad andare al pronto soccorso per farsi visitare. Tutto poteva pensare, in particolare alla presenza d’acqua nell’orecchio, tranne la risposta datale poi dal medico che l’ha visitata: la presenza di un insetto all’interno dell’orecchio. E non un insetto qualsiasi, ma un ragno violino. “Provavo la stessa sensazione di quando si va in piscina”, ha raccontato Susie ai microfoni di Fox 4, poi l’occhiata del dottore che ha subito chiesto l’opinione di alcuni colleghi: “Credo che lei abbia un insetto nell’orecchio”. Ed ecco rivelata la presenza del pericolosissimo insetto. Immediato l’intervento dei medici che si sono subito adoperati per estrarre il ragno: Susie ha mantenuto il sangue freddo per la durata di tutta l’operazione – ricevendo anche i complimenti da parte dei medici, rimanendo immobile e non facendosi prendere dall’ansia rischiando di essere morsa dall’insetto.

Il ragno eremita

Il “ragno eremita“, è anche conosciuto così il ragno violino, presente anche in Italia. Insetto notturno tra i più pericolosi al mondo. Un semplice morso può avere, fin da subito, gravi effetti collaterali: febbre, rush cutaneo, ecchimosi e il subentro di danni ai muscoli e ai reni. Nei casi più gravi – e rari, emorragie fino alla morte. Il ragno, come tutti gli insetti della sua specie, può nascondersi dietro a mobili, battiscopa, scatole di cartone, scarpe o tra la biancheria.