Un record non positivo per l'Italia: aumenta il debito pubblico

·2 minuto per la lettura
Banca d'Italia
Banca d'Italia

Si ha un nuovo record per il nostro debito pubblico: 2.696 miliardi. ecco a quanto ammonta il debito pubblico in base alle ultime proiezioni di giugno 2021. Il Codacons allerta le generazioni future.

Il debito pubblico italiano raggiunge un nuovo record. L’attuale debito pubblico

Ciò che ha causato l’impennata del debito pubblico è stato l’aumento del debito delle amministrazioni pubbliche, che ammonta a 9 miliardi di euro circa rispetto ai mesi precedenti, portando il prezzo del debito ad un totale di 2.696 miliardi di euro. Stando a quanto riportano i rapporti della Banca d’Italia, l’aumento sarebbe causato dal: “fabbisogno (15 miliardi) e l’effetto di scarti e premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione dei tassi di cambio (che hanno complessivamente aumentato il debito per 0,9 miliardi) hanno più che compensato la riduzione delle disponibilità liquide del Tesoro (6,8 miliardi, a 84,4)“.

Il debito pubblico italiano raggiunge un nuovo record. La situazione con gli investitori stranieri

In calo anche i possessori stranieri di Titoli di Stato italiani. Con la nomina di Mario Draghi alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, molti investitori stranieri decisero di acquistare i nostri TItoli di Stato. Questa situazione, che per quattro mesi ha sempre visto un trend in rialzo, si è interrotta già a partire da maggio. In quel mese, infatti, si è registrato un decremento pari a circa 727,312 miliardi di euro, rispetto ai 733,693 miliardi di euro di aprile.

Il debito pubblico italiano raggiunge un nuovo record. A quanto ammonta il debito pubblico per singolo cittadino

A fare il quadro della situazione in rapporto ai singoli cittadini italiani ci pensa il Codacons, il quale ha dichiarato che: “Il debito pubblico continua ad aumentare e rappresenta una zavorra pesantissima per il paese di cui faranno le spese le generazioni future“. Nell’ultimo mese, il debito pubblico è aumentato di circa 359 euro a famiglia, da sommare ai 45.499 euro che rappresentano l’ipotetica quota di debito redistribuita su tutta la popolazione italiana, neonati inclusi. La situazione pandemica in cui ci troviamo, inoltre, non ha fatto altro che aumentare ulteriormente i danni economici. Sono stati aggiunti, infatti, dei problemi ciclici ai già presenti problemi strutturali che il nostro paese da anni si trova a dover affrontare senza successo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli