Un reparto che non risulta nell'elenco regionale

·2 minuto per la lettura
Reparto Covid
Reparto Covid

Diverse persone ricoverate per Coronavirus sono decedute all’interno del reparto di Chirurgia dell’Ospedale di Subiaco. Quel reparto, però, non risulta nell’ordinanza regionale sulla rete Covid, come ha riportato Il Tempo. Inoltre, le età delle vittime non trovano riscontro con quelle indicate nei dati anagrafici dei decessi per Covid citati nei bollettini della Regione.

Reparto Covid a Subiaco

I pazienti ricoverati sono rimasti nel reparto per dieci giorni, ma di quella sezione Covid allestita nell’ospedale di Subiaco non c’è nessuna traccia ufficiale. I pazienti non sono stati trasferiti in un Covid Hospital e non sono neppure stati trattati in un reparto di terapia intensiva, che lì era stato chiuso nel maggio del 2015. Sono tutti morti in quel reparto, ma le loro età non trovano riscontro nel bollettino regionale. Francesco Pelliccia, sindaco di Subiaco, ha dato comunicazione della seconda vittima, un uomo di 87 anni. L’età dell’uomo, però, non compare nel bollettino di quel giorno e neanche in quelli a seguire. “Nella Asl Roma 5 si registra un decesso di 89 anni con patologie” si legge nel bollettino del 13 novembre. Il 16 novembre sono morte altre due persone, di 83 e 92 anni, ma anche le loro età non risultano nel bollettino.

Cosa sta succedendo nel reparto Covid fantasma? La sua apertura era stata annunciata il primo novembre direttamente dal sindaco. “Nell’ospedale di Subiaco il reparto Covid, affidato alla medicina, avrà 10 posti letto, in luogo del reparto di chirurgia” aveva spiegato il primo cittadino. Nell’ordinanza regionale, però, per l’ospedale di Subiaco si registrano solo due posti letto dedicati ai pazienti Covid e non nel reparto di chirurgia ma vicino al pronto soccorso. Eppure la Asl Roma 5 ha autorizzato i lavori di adeguamento per 46 miliardi di euro. Non ci sono risposte a quelle che sono le domande più importanti, ovvero per quale motivo nessuno ha controllato l’effettiva realizzazione di questi lavori e per quale motivo non ci sia alcuna corrispondenza tra deliberà e realtà dei fatti. “La direzione sanitaria sta procedendo a verifiche per appurare un eventuale disallineamento” hanno spiegato le autorità locali, riguardo la scomparsa di questi morti Covid dal bollettino. Nell’ospedale di Subiaco non ci sono terapie intensive, pneumologie e infettivologi, per cui resta da chiarire il motivo per cui questi pazienti non siano stati subito trasferiti in un Covid Hospital.