Un software per misurare l’impronta ambientale del Grana Padano Dop

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 28 apr. (askanews) - Un software che supporta le decisioni green del Grana Padano Dop, che in realtà potrebbe permettere a tutte le aziende produttrici di formaggi di origine protetta di applicare la metodologia Pef, Product environmental footprint, per calcolare l'impronta ambientale dei loro prodotti confezionati e al contempo di ottimizzare il sistema produttivo dal punto di vista sia ambientale che economico. E' quello che verrà presentato il 5 maggio a Cibus nell'ambito di un workshop organizzato in collaborazione con la Fondazione Qualivita e con la partecipazione di Politecnico di Milano, Università Cattolica di Piacenza, oriGIn, Enersem e CNIEL, insieme ai risultati finali del progetto "Life TTGG - The Tough Get Going".

"Il Consorzio Grana Padano ha iniziato a investire in ricerca per la riduzione dell'impatto ambientale della produzione già nel 2007, avviando la collaborazione con i più importanti atenei - ricorda il presidente Renato Zaghini - Con questo nuovo progetto internazionale arriviamo a un risultato importante e concreto, che inciderà sulla gestione quotidiana delle aziende. E' stato pensato per il Grana Padano, si è avvalso della collaborazione del Comtè francese, ma è a disposizione di tutto il settore caseario, ingiustamente e a lungo accusato di essere insensibile al problema e invece, con le nostre iniziative, all'avanguardia nell'applicazione di soluzioni".

Il convegno arriva a pochi giorni dalla consegna al Consorzio della "Bio safety certification", assegnato da Legambiente dopo un attento studio che premia proprio l'impegno dei produttori, precursori in Italia di una forte sensibilità su ambiente e sostenibilità. "E' stato riconosciuto che nelle oltre 3.700 stalle che conferiscono latte destinato al Grana Padano si punta moltissimo sul benessere delle vacche produttrici - commenta il direttore generale del Consorzio, Stefano Berni - Il Consorzio garantisce il rispetto dell'ambiente, divulga le best practices per migliorare il benessere della persona per prevenire l'insorgere di malattie, sostiene progetti umanitari in Paesi in via di sviluppo, punta sul risparmio energetico e sulle fonti rinnovabili, investe in ricerca per soluzioni produttive sempre più green".

A Cibus ci saranno altre occasioni, oltre al convegno, per far conoscere a buyers e visitatori questa Dop, incluse le proposte di uno chef per apprezzare le varie stagionature del Grana Padano Dop. "Tornare al Cibus è un bel segnale di incoraggiamento per tutto il comparto caseario e un'occasione importante di confronto - sottolinea Berni - Siamo in una situazione politica ed economica drammatica sul piano generale e in un momento molto delicato per il mercato del latte, con produzione ridotta in molti Paesi europei e una corsa all'accaparramento di prodotto da parte della Cina. Anche i formaggi Dop vedono un calo produttivo, compreso il Grana Padano, ma a fronte di una crescita dei consumi all'estero anche nel gennaio 2022 e di prezzi all'ingrosso in crescita da settimane. Quindi, gli incontri al Cibus tra produttori e buyers internazionali dovranno aiutarci ad evitare o almeno a contenere il vero, grande pericolo: il crollo dei consumi, che potrebbe portare a 'svendere' il formaggio. Un rischio che il Consorzio Grana Padano vuole assolutamente scongiurare".

Nell'ambito di Cibus, il 4 maggio, il Consorzio di Tutela parteciperà alla cerimonia di consegna dei "Formaggi & Consumi Awards", tra i massimi riconoscimenti del settore assegnati da Edizioni Turbo by Tespi Mediagroup, al termine della quale il presidente del Consorzio di Tutela, Renato Zaghini, verrà insignito del ruolo di membro della confraternita Guilde Internationale des Fromagers Italia, organizzazione non profit che riunisce i protagonisti del settore lattiero caseario ad ogni livello della filiera, promuovendo la nobiltà dei prodotti e del lavoro delle donne e degli uomini che ne fanno parte.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli