Un tentativo di fare lo spiritoso non andato a buon fine

·2 minuto per la lettura
Simone Pillon Enzo Miccio
Simone Pillon Enzo Miccio

Enzo Miccio, noto wedding planner, ha una forte somiglianza fisica con Simone Pillon, senatore della Lega che sta cercando di ostacolare il DDL Zan, legge contro l’omofobia. Pillon ha utilizzato questa somiglianza per fare lo spiritoso sui social, ma gli è andata molto male.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

La battuta di Pillon su Enzo Miccio

Simone Pillon ha utilizzato delle foto di Enzo Miccio per fare una battuta sui social, che gli si è inevitabilmente ritorta contro. Il wedding planner ha aderito alla campagna “Diamoci una mano” di Vanity Fair, a cui hanno partecipato moltissimi personaggi famosi, che hanno pubblicato una loro foto con la mano in evidenza in cui è stato scritto DDL Zan. Sui social non è la prima volta che viene sottolineata la somiglianza tra Enzo Miccio e Pillon, ma questa volta è stato proprio il senatore della Lega ad usarla per fare una battuta che in molti hanno considerato di cattivo gusto.

Simone Pillon ha pubblicato su Facebook diverse fotografie sfruttando questa somiglianza. “Vedo Enzo Miccio confuso. Ma è a favore o contro il DDL Zan? Dalle foto non si capisce” ha scritto il senatore, cercando di dare sfoggio ad un umorismo che non è stato per niente apprezzato. Enzo Miccio ha subito risposto. “Sono tutt’altro che confuso la pregherei di evitare questa inutile e ridicola pantomima e di non usare il mio nome e la mia immagine!” ha risposto il wedding planner. “Gentile Sg. Miccio, dica ai suoi fan di fare altrettanto con me, col mio nome e con la mia immaggine, visto che sono mesi se non anni che vengo continuamente preso di mira. Provi a sorridere, come faccio io in questi casi. Buona serata” ha risposto Pillon. I fan si sono subito scatenati, prendendo le parti di Enzo Miccio ed invitandolo a passare immediatamente alle vie legali.