Un uomo che si era messo a sparare in un centro commerciale è stato ucciso da un altro cittadino armato

Jeff Dean / AFP

AGI - Un uomo ha aperto il fuoco in un centro commerciale di Greenwood, Indiana e ha ucciso tre persone e ne ha ferito due, prima di essere a sua volta colpito a morte da un cittadino armato. Lo ha riferito la polizia locale. Dal 1 luglio nello Stato dell'Indiana si può girare armati anche senza avere il porto d'armi.

Il bilancio provvisorio della sparatoria è di quattro morti, incluso l'aggressore. Mark Myers, il sindaco di Greenwood, la città dov'è avvenuta la sparatoria, ha confermato che i morti sono tre e che altre tre persone sono state ferite. Il tiratore è stato a sua volta ucciso "da un individuo armato", ha riferito. In una conferenza stampa il capo della polizia della cittadina, Jim Ison, ha definito "buon samaritano" il cittadino armato che ha sparato al tiratore e precisato che questa persona sta collaborato "completamente" con le autorità. I feriti sono stati trasportati in un ospedale della zona.

La polizia di Greenwood ha condiviso un post sulla sua pagina Facebook per chiedere a eventuali testimoni della sparatoria di contattare il dipartimento per fornire informazioni. L'attacco di oggi e' l'ultimo di una serie di episodi di violenza armata che sta affliggendo gli Stati Uniti, dove ogni anno circa 40 mila persone muoiono uccise da armi da fuoco, secondo il Gun Violence Archive.

Durante una parata dello scorso 4 luglio un uomo armato ha aperto il fuoco in un sobborgo di Chicago, dove sette persone sono rimaste uccise e almeno altre tre dozzine sono rimaste ferite.

Risalgono allo scorso maggio altri due massacri: 10 persone di colore sono state uccise in una sparatoria nello stato di New York e 19 bimbi e due insegnanti sono le vittime della strage nella scuola di Uvalde, in Texas. La recente impennata di violenze ha riacceso il controverso dibattito sulla regolamentazione delle armi da fuoco. Una commissione della Camera dei rappresentanti dovrebbe votare questa settimana, per la prima volta in quasi 20 anni, un provvedimento per bandire le armi d'assalto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli