Un volo che ebbe tre ore di ritardo diventa scalino procedurale per una sentenza del giudice

Ryanair dovrà rimborsare 6mila euro ad alcuni passeggeri
Ryanair dovrà rimborsare 6mila euro ad alcuni passeggeri

Ryanair dovrà rimborsare 6mila euro ai passeggeri per un volo che ebbe tre ore di ritardo e che è diventato “scalino procedurale” per una sentenza del giudice di Pace di Torino. La compagnia è stata infatti condannata e i passeggeri istanti dovranno ricevere 6mila euro di risarcimento. La compagnia aveva motivato quel ritardo attribuendolo al maltempo che aveva creato un effetto-domino con un volo precedente, tuttavia la toga ha dato ragione ai passeggeri. Ma quale era il volo finito in atti giudiziari?

Ryanair dovrà rimborsare 6mila euro per un ritardo

Quello Torino-Valencia del 3 agosto 2020 che, come spiegano i media, sarebbe dovuto atterrare alle 10.10 e invece è arrivato a destinazione alle 13.18. A quel punto i passeggeri avevano chiesto a Ryanair di essere rimborsati per via del ritardo per vie interne ma la compagnia di volo low cost non aveva accettato le richieste. A quel punto è entrata in gioco la parte giudiziaria della vicenda, con ItaliaRimborso che ha curato gli interessi dei passeggeri coinvolti.

La nota di commento di  ItaliaRimborso

Alla fine la sentenza: il Giudice di Pace di Torino ha condannato la compagnia a pagare 6mila euro ai 17 a bordo che hanno agito in giudizio secondo quanto previsto dal Regolamento Comunitario 261 del 2004. Il commento di ItaliaRimborso lo ha riportato Leggo: “Il Giudice di Pace di Torino ha applicato il Regolamento Comunitario 261/2004, che tutela i passeggeri aerei anche in casi di ritardo aereo. Oltre le tre ore di ritardo, infatti, i passeggeri possono richiedere la compensazione pecuniaria. Nella fattispecie non vi erano circostanze di sciopero o di condizioni meteo avverse”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli