Una 28enne non vaccinata muore di Covid dopo il parto. La rabbia della sorella sui social

·2 minuto per la lettura

AGI - È morta a 28 anni Palma Reale, di Santa Maria Capua Vetere (Caserta). Era incinta, ha contratto il Covid e non era vaccinata: ha partorito all'ottavo mese e poi è morta. È accaduto a Napoli dove la giovane donna era ricoverata in terapia intensiva al II Policlinico dal 29 agosto. 

GUARDA ANCHE - Covid, vaccinarsi in gravidanza: le cose da sapere

Le parole della sorella

"Scrivo questo post perché ho tanta rabbia e spero sarà pubblicato", afferma su Facebook la sorella Maria. Racconta che Palma "si era recata al pronto soccorso di Caserta per dolori di pancia e difficoltà respiratorie l'ospedale di Caserta effettua come per prassi un tampone risultato positivo. Cosa succede? Mia sorella viene mandata a casa!

Curare a casa gli dicono incinta con problemi respiratori in atto senza fare una tac nulla! La situazione degenera subito dopo pochi giorni ora mia sorella e in gravissime condizioni ricoverata al II Policlinico di Napoli dove in primis hanno fatto nascere il bambino di urgenza che fortuna sta bene".

GUARDA ANCHE - Vaccini Covid, ci sono precauzioni prima dell'iniezione?

L'attacco ai sanitari

La sorella va invece in Terapia intensiva intubata in coma farmacologico "con ventilatori polmonari un polmone collassato l'altro molto danneggiato". Una ragazza di 28 anni "sana che non ha mai fumato con 3 bambine che la aspettano a casa e marito ora tutti positivi naturalmente ditemi voi se questi sono i medici che devono curarci".

Maria Reale ne è convinta: "Mia sorella si poteva prendere in tempo se fosse stata ricoverata! Se fosse stata fatta una lastra ai polmoni io non so come andrà a finire e non ci voglio nemmeno pensare ma spero che mai nessuno capiti ciò che è successo a mia sorella che alcuni medici si passano la mano per la coscienza detto questo vi chiedo solo di pregare per lei".

Palma Reale sarebbe la seconda donna incinta deceduta nel nosocomio; il precedente caso risale alla prima ondata della pandemia e presentava fragilità pregresse. Morì anche il figlio. Adesso chi indaga intende vederci chiaro.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli