Una 70enne del Nuorese è ricoverata in condizioni gravi dopo aver contratto la rickettsiosi

Donna sarda grave dopo la puntura di una zecca
Donna sarda grave dopo la puntura di una zecca

Dramma in Sardegna con l’ennesima vittima di una antropozoonosi, cioè di una malattia portata all’uomo da un animale, una donna è stata punta da una zecca ed è in fin di vita. I media locali spiegano che una 70enne del Nuorese è ricoverata in condizioni gravi dopo aver contratto la  rickettsiosi. La vittima è una donna residente ad Ulassai, in provincia di Nuoro, che è stata ricoverata all’ospedale di Lanusei, in Ogliastra, dopo aver accusato i sintomi della rickettsiosi. Di cosa parliamo? Di una severa infezione che può essere causata anche dalla puntura di una zecca.

Sardegna, donna punta da una zecca

La donna è stata trasferita nel reparto di Rianimazione e i media, Messaggero in primis, spiegano che “le sue condizioni sono molto gravi e la prognosi è riservata”. La notizia, anticipata dall’Unione sarda, è stata poi del tutto confermata all’Ansa dalla dirigenza del nosocomio sardo. Secondo una prima stima la puntura della zecca risalirebbe a qualche giorno fa.

L’insetto sulla pelle e l’infezione dopo poco

In quelle circostanze la 70enne si era accorta di avere sulla cute l’insetto e se ne era liberata in fretta ma non abbastanza da evitare l’infezione. Dopo alcune ore senza sintomi ma l’incubazione è evoluta e sono arrivati  i primi malesseri: febbre alta, mal di testa, spossatezza severa, forti dolori ai muscoli e alle articolazioni. Da lì la chiamata al 118 ed il trasporto in ospedale a Lanusei dove è giunta in condizioni già critiche.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli