Una bella iniziativa che riprende il vero spirito natalizio

·2 minuto per la lettura
Luminarie
Luminarie

Forse questa pandemia ci farà (ri)scoprire il vero spirito natalizio? A Vecchiano sembra proprio di sì. Saranno i cittadini ad accendere la magia del Natale.

Vecchiano, buoni spesa per le famiglie al posto delle luminarie di Natale

Davvero una bella iniziativa quella dell’amministrazione comunale di Vecchiano, paese di poco più di 12.000 abitanti in provincia di Pisa.

I soldi destinati alle luminarie che avrebbero dovuto illuminare il paese durante il periodo delle festività natalizie sono stati destinati ad un fondo di solidarietà per le famiglie in difficoltà a causa della seconda ondata della pandemia del Covid-19.

C’è chi ha perso lavoro, chi lo ha visto ridotto, chi è in difficoltà con la propria attività a causa delle misure stabilite dall’ultimo dpcm.

Anche durante la prima ondata di marzo-aprile erano stati erogati dei buoni spesa con l’aiuto dei fondi del Governo e una fondazione locale, di cui avevano beneficiato circa 300 famiglie.

I buoni saranno spesi nelle attività commerciali del Comune

A breve uscirà il bando in modo che le famiglie in difficoltà economiche potranno richiederlo. A consegnarlo saranno i volontari con tanto di cappello di Babbo Natale.

Altro aspetto positivo dell’iniziativa è quello che prevede che gli stessi buoni siano spesi nell’ambito delle attività commerciali dello stesso paese. In questo modo a beneficiarne in parte saranno anche i negozianti del luogo.

Saranno i cittadini ad accendere la magia del Natale

Tuttavia, il comune del pisano non dovrà rinunciare alla magia delle luci e degli addobbi natalizi. Saranno proprio i cittadini infatti ad accendere il Natale nel paese. L’invito infatti è quello di mettere una luce nel proprio balcone, nel proprio giardino o nella propria attività affinchè sia “un Natale di tutti per tutti”:

“Ognuno di noi può illuminare la propria casa, il proprio negozio, la corte, il giardino, il terrazzo, un albero…creando una continuità di luci colorate che potrà scaldare l’atmosfera di questi giorni complicati per tutti. Se ognuno di noi collaborerà a questa installazione diffusa di luci colorate, il Natale prenderà forma, diversa da quella a cui siamo abituati, ma avrà un valore molto più importante, perché sarà come tornare ad abbracciarci e a stringerci la mano per sostenerci tutti insieme e per andare incontro alla luce di un nuovo giorno”.