Una brutta malattia polmonare la stroncato un uomo che attendeva invano la giustizia

La piccola Matilda Borin
La piccola Matilda Borin

Simone Borin morto  è a 46 anni, addio al padre di Matilda uccisa a Roasio nel 2005, una brutta malattia polmonare ha stroncato un uomo che attendeva invano la giustizia. Simone si è spento ieri, 27 ottobre in ospedale. L’uomo era titolare di un’azienda di pompe funebri a Busto Arsizio.

Simone Borin morto a 46 anni senza giustizia

Ma chi era Simone Borin? Quello dell’uccisione di sua figlia fu un caso che nel 2005 commosse ed indignò il paese: Matilda venne ammazzata in una villetta a Roasio, in provincia di Vercelli, mentre era in vacanza insieme alla mamma e al compagno. I processi, i faldoni ed i fascicoli da allora si erano sommati ma senza trovare alcun responsabile del crimine. Venne arrestata e mandata a giudizio Elena Romani, la madre di Matilda, ma fu assolta in tutti i gradi di giudizio.

I processi a madre della vittima e compagno

Il suo compagno, Antonino Cangialosi, ebbe la stessa sorte procedurale ma non venne riconosciuto colpevole di alcunché. E la faccenda si arenò perché i due erano le sole persone presenti nella villetta del delitto. Matilda venne uccisa da un violento calcio alla schiena e alla fine la Suprema Corte di Cassazione chiuse la vicenda della piccola senza individuare un colpevole.