Una carta da parati di design per dare nuova vita alla propria casa

tappezzeria
tappezzeria

Anche gli interni meglio pensati hanno dopo qualche anno bisogno di una ventata d’aria fresca. Non importa quanti sforzi ci siano voluti per mettere insieme gli arredamenti della propria abitazione e quanto li abbiamo amati al momento di entrarci per la prima volta. Il passaggio del tempo è inesorabile e l’usura quotidiana lascia i suoi segni. Ma non parliamo sempre e necessariamente di usura materiale, a volte sono i nostri occhi ad essersi stancati di vedere, giorno dopo giorno, sempre gli stessi arredi. La nostra mente ha bisogno di stimoli per essere felice ed è per questo motivo che gli arredatori consigliano di rinnovare dopo qualche anno almeno una delle stanze in cui viviamo.

Le idee non mancano, viviamo dopotutto in un’era in cui siamo bombardati da immagini di interni perfetti che ci vengono offerti da social, televisione ed immagini pubblicitarie. Il problema è spesso il binomio costo in termini di tempo e fatica abbinato al costo economico. Se non vogliamo sempre rimanere incollati ai prefabbricati Ikea, dobbiamo infatti mettere in conto spese che spesso superano i diecimila euro per dei mobili di discreta qualità. Questo non è necessariamente alla portata di tutti, specialmente in una fase economica che ci ha visto passare da una pandemia ad una guerra senza passare dal via. Fortunatamente ci sono altre opzioni nel nostro arco per ottenere l’effetto sperato (la sensazione di entrare in una stanza rinnovata quando vi posiamo gli occhi) senza dover investire un rene. La prima cosa da fare, come Marie Kondo ci ha insegnato, è quella di snellire il proprio ambiente, liberandoci del superfluo per creare più spazio. Se ci guardiamo in giro tutti possiamo puntare a oggetti, arredi o decorazioni che sono entrati nella nostra casa con il passare degli anni e si sono semplicemente “depositati” in un angolo, non per scelta voluta ma semplicemente perché in quel momento era comodo farlo. Ripulire il proprio ambiente del superfluo è altamente benefico allo spirito e ci prepara per il prossimo passo. Investire in una carta da parati di design per creare uno sfondo capace di cambiare l’atmosfera della propria casa senza doverne ingombrare lo spazio.

carta da parati
carta da parati

Il ritorno della carta da parati di design

Dopo un paio di decenni passati nel dimenticatoio a causa dell’ossessione per le pareti bianche o comunque monocrome, la buona e vecchia carta da parati ha ripreso il suo ruolo cruciale nell’armamentario dell’arredatore. Da ristoranti di tendenza a boutique alla moda, è oggigiorno facile ritrovarla sotto i riflettori. La cosa non ci deve stupire più di tanto, dato che pochi altri strumenti decorativi hanno la capacità di ridefinire uno spazio, creando un’atmosfera chiaramente definita con un budget ridotto. I suoi vantaggi vanno inoltre al di là del semplice scopo decorativo, dato che, se posizionata in modo strategico, una tappezzeria di classe è in grado di definire e delimitare uno spazio specifico oltreché abbellirlo. Questo non è passato inosservato nel mondo del design che si è affrettato ad occupare questo nuovo spazio di espressione con originali tappezzerie di design di alta qualità. Questo fenomeno ha allargato ulteriormente lo spettro dei modelli disponibili, dato che ogni marchio di design gode di un proprio pubblico di estimatori, con esigenze e gusti molto diversi. In questo nuovo mercato non sono entrati sono case di moda celebri come Versace, Armani o Ralph Laurent, ma anche tantissimi giovani designer che hanno portato una ventata di fresco nel mondo dell’arredo per pareti.

carta da parati
carta da parati

Cosa si intende esattamente per carta da parati di design

Il termine “design” viene spesso abusato nel mondo della pubblicità, vale quindi la pena definirlo con chiarezza. Il termine “carta da parati di design” implica che dietro un modello vi è il lavoro di un designer creativo cha da l’input iniziale all’insieme di tutti i processi che vanno poi a renderlo unico. Talvolta è direttamente il un designer a voler creare il proprio marchio di carta da parati, altre volte invece sono marchi e produttori di carta da parati a commissionarne il lavoro. Ovviamente questi modelli hanno un costo superiore alla classica carta da parati che potete acquistare nel vostro centro commerciale più vicino.

carta da parati
carta da parati

Ad influenzarne il costo sono diversi fattori, dal tipo di materiali utilizzati, alle finiture fino al processo di stampa e, non ultimo la quantità prodotta. Le produzioni industriali in larga scala sono infatti molto meno costose, soprattutto quando si parla di processi di stampa a macchina. L’installazione, il funzionamento, la pulizia e la manutenzione delle macchine comportano investimenti di un certo rilievo che devono necessariamente riflettersi nel prezzo della carta da parati. Maggiore è dunque il numero di rotoli prodotti in un ciclo di produzione, minori sono i costi della macchina. Una produzione di design è per sua natura più limitata, il che ha grandi benefici per l’utente finale dato che non è sempre piacevole entrare in una casa o in un negozio e ritrovare il proprio modello appeso alle pareti. Il costo relativo è comunque di un ordine di grandezza inferiore a quello di un set di mobilio nuovo, il che rende l’investimento uno dei migliori che si possa trovare nel campo dell’arredo d’interni.