Una città dell'Emilia-Romagna cambia colore

·2 minuto per la lettura
Covid Bologna zona arancione scuro
Covid Bologna zona arancione scuro

Con un’ordinanza firmata dal Presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini nella giornata del 26 febbraio, Bologna passa in zona arancione scuro a partire da sabato 27 febbraio.

Covid, Bologna zona arancione scuro

Con un’ordinanza del Governatore della regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini firmata il 26 febbraio, la città metropolitana di Bologna passa in zona arancione scuro. Durante questo periodo diverse saranno le restrizioni adottate ad iniziare dalle scuole di ogni ordine e grado le cui lezioni si terranno in didattica a distanza al 100%. Rimarranno aperte invece le scuole dell’infanzia e asili nido. Sospensione per gli eventi sportivi, e competizioni organizzate dagli enti di promozione sportiva. Sarà consentita unicamente l’attività sportiva individuale e comunque all’aperto.

Per ciò che riguarda gli spostamenti ci si potrà spostare solo nei casi di stretta necessità. Limitazione anche nei luoghi di lavoro pubblici dove potranno lavorare in ufficio solo i lavoratori le cui attività risultano indifferibili. Per quanto riguarda i luoghi di cultura saranno aperte solo le biblioteche. Infine saranno incrementate le attività di tracciamento e screening.

Bonaccini: “Non possiamo mollare ora”

Con un post su Facebook il Governatore della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini ha annunciato che l’ordinanza che decreterà la zona arancione scuro nella città metropolitana di Bologna. “Nell’area bolognese nelle ultime settimane i casi positivi stanno crescendo a un tasso quasi tre volte superiore alla media nazionale. Il virus viaggia soprattutto tra giovani e giovanissimi. Anche i ricoveri in ospedale e in terapia intensiva crescono. Dunque, le nuove misure sono indispensabili, soprattutto di fronte a varianti del virus che comportano una diffusione più estesa e più veloce”, ha scritto Bonaccini.

Ha infine evidenziato come sia attualmente in corso la terza ondata e come sia importante non mollare adesso: “non possiamo mollare ora, nel momento in cui stiamo mettendo tutto il nostro impegno per accelerare la campagna vaccinale, indispensabile per battere questo terribile virus”

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.