Una donna brasiliana vicedirettrice della sala stampa vaticana

Ska

Roma, 25 lug. (askanews) - Dopo la nomina di Matteo Bruni quale nuovo portavoce vaticano, arriva la nuova vice: si tratta di una donna brasiliana, Cristiane Murray, sinora alla Radio vaticana.

Il primo impegno che dovrà affrotnare, sarà il Sinodo sull'Amazzonia che si svolgerà in Vaticano ad ottobre.

Nata il 10 marzo 1962 a Rio de Janeiro (Brasile), laureata in Amministrazione Aziendale e Marketing alla Pontificia Università Cattolica di Rio de Janeiro, Murray lavora dal novembre 1995 presso la Radio Vaticana, in seguito incorporata nel Dicastero per la Comunicazione, dove tra l'altro ha curato la redazione dei notiziari circa l'attività della Chiesa missionaria nel mondo, e si è occupata di telecronache e radiocronache in diretta di cerimonie pontificie, Angelus e Udienze, prendendo parte a diversi viaggi internazionali del Santo Padre. Dal 2018 collabora con la Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi nella preparazione dell'Assemblea Speciale del Sinodo dei Vescovi per la Regione Panamazzonica. Oltre l'italiano e il portoghese, conosce lo spagnolo, il francese e l'inglese.

Matteo Bruni succede ad Alessandro Gisotti, che aveva guidato "ad interim" la sala stampa vaticana dopo le dimissioni improvvise, il 31 dicembre, di Greg Burke (direttore) e Palema Ovejero (vicedirettrice).