In una intervista il cantante ammette il suo errore ma spiega: "Trattato come un delinquente"

Memo Remigi
Memo Remigi

Memo Remigi  chiede ancora una volta scusa a Jessica Morlacchi ed in una intervista al Corriere della Sera il cantante ammette il suo errore con l’episodio della palpata televisiva ma spiega: “Trattato come un delinquente”. Quel gesto era costato a Remigi il licenziamento da Oggi è un altro giorno su Rai1. E il cantautore ha voluto di nuovo dire la sua e precisare di nuovo che ha riconosciuto l’errore.

Memo Remigi chiede ancora una volta scusa

Ha detto Remigi: “Il gesto è stato totalmente sbagliato e non andava fatto. Ho chiesto scusa e lo ribadisco qui: chiedo scusa a Jessica Morlacchi, a Serena Bortone e alla Rai“. Remigi ha spiegato ancora una volta di “non essersi reso conto di quel che aveva combinato”. Poi i video su Twitter, Striscia la Notizia e Dagospia gli avevano aperto gli occhi: “Prima del putiferio non sapevo di aver creato disagio a Jessica. Nel mio animo era uno scherzo tra amici cari quali eravamo. Altrimenti mi sarei subito scusato”.

“Non farò causa alla Rai, ho violato il codice etico”

E ancora: “In due anni non mi ha mai dato questa idea, davvero. Eravamo proprio compagnoni. Se solo mi avesse fatto intendere imbarazzo, non mi sarei spinto a uno scherzo così idiota”. Con Morlacchi non c’è stata ancora alcuna telefonata, poi Remigi spiega anche che non ci sono stati chiarimenti con la Rai: “È escluso che faccia causa alla Rai, anche se sono stato trattato da delinquente Detto ciò, ho violato il codice etico e accetto le conseguenze”.campagne diffamatorie”.