Una maestra di 69 anni è stata licenziata dopo 3 settimane dalla sua assunzione

·1 minuto per la lettura
Scuola
Scuola

Una vicenda che ha creato abbastanza disagio ad una maestra precaria è accaduta a Pavia. La donna è stata assunta come docente di ruolo all’età di 69 anni, ma dopo tre settimane è stata licenziata in tronco.

Una maestra è stata licenziata dopo tre settimane dall’assunzione

Detto così sembra quasi uno scherzo, ma è accaduto sul serio alla scuola per l’infanzia del quartiere Scala di Pavia. Una maestra, da sempre precaria, e dopo aver passato nel 2018 il concorso pubblico, ha ricevuto il suo primo contratto a tempo indeterminato nel settembre 2021. Peccato però che dopo 21 giorni la maestra è stata già licenziata.

La maestra licenziata ha fatto ricorso

Non ha avuto nemmeno il tempo di festeggiare o assaporare la sicurezza economica del tanto ambito posto fisso, che gli stessi che l’hanno assunta l’hanno subito licenziata. Non si è però persa d’animo la maestra ed ha deciso di fare causa al Ministero per riavere il suo lavoro.

La maestra licenziata a Pavia ha perso la sua battaglia legale

Arrivata in tribunale, però, non è andata come sperava. Il giudice Gabriele Allieri, nonostante il contratto fosse regolare e senza limiti di età, ha dato ragione al Ministero dell’Istruzione, confermando il licenziamento. A quel punto, la maestra, ha deciso di chiedere il reintegro almeno fino ai 71 anni. Nemmeno in questo caso il giudice è stato dalla sua parte, motivando il suo rifiuto a tale richiesta, in questo modo: “Non rientra tra i casi eccezionali per i quali manchi poco al raggiungimento dei 20 anni di contributi. Inoltre, la maestra, avrebbe potuto fare solo supplenze, non essere assunta in ruolo“.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli