Una mamma di Pavia lesse i commenti di tre colleghe che deridevano pesantemente il ragazzino

Mamma indagata per accesso informatico abusivo
Mamma indagata per accesso informatico abusivo

Lombardia, insulti al figlio nella chat della scuola: indagata per accesso abusivo al sistema una mamma di Pavia che lesse i commenti di tre colleghe che deridevano pesantemente il ragazzino. Quegli insulti avevano generato una denuncia e la sospensione cautelare delle docenti, tuttavia c’è stata una ulteriore coda giudiziaria. Perché? Perché una delle denunciate ha querelato a sua volta la madre che è stata indagata per accesso abusivo a sistema informatico e violazione della corrispondenza.

Insulti al figlio nella chat della scuola: “È un pirla”

La donna insegna in una scuola elementare di Pavia e secondo l’ipotesi di reato nel guardare la chat incriminata “si sarebbe abusivamente introdotta nella conversazione telematica, violando la corrispondenza che era privata”. Il dato è che in quella chat suo figlio veniva definito “pirla”, “bambino di m…” e “sporco”. In più, secondo una versione di parte, al ragazzino sarebbero state inferte anche “punizioni e costrizioni come restare fuori dalla classe”.

La foto con la presunta “punizione”

Ci sono anche foto, in una il bambino è seduto al banco dopo aver ricevuto un castigo, con lo sguardo basso e le braccia incrociate. Ansa spiega che la Procura di Milano propenderebbe per l’archiviazione del caso contro la madre, questo perché non vi sarebbe stata alcuna violazione dato che la chat era stata dimenticata aperta. La polizia ha ricevuto una denuncia che prefigura  ipotetici maltrattamenti e abuso di mezzi di correzione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli