Una nota ufficiale sulla pagina Facebook supera le divergenze con Fiore & co e critica l'ipotesi

·2 minuto per la lettura
Casapund parla di "Inquisizione" in merito allo scioglimento di Forza Nuova
Casapund parla di "Inquisizione" in merito allo scioglimento di Forza Nuova

Sullo scioglimento di Forza Nuova a seguito della manifestazione e delle violenze del 9 ottobre a Piazza del Popolo interviene Casapound, che in una nota ufficiale pubblicata sulla sua pagina Facebook supera le divergenze storiche con Fiore & co. e si schiera contro l’ipotesi del governo parlando di “deriva autoritaria, all’Italia non serve l’Inquisizione”. Ecco il testo “Stiamo assistendo a una deriva autoritaria e a un imbarbarimento della politica in Italia come mai prima d’ora. E l’ipotesi di sciogliere Forza Nuova con un decreto del governo, senza che ci sia stata prima una sentenza, lo rivela inequivocabilmente”.

Scioglimento di Forza Nuova, Casapound: “Su Lega e FdI inchieste a orologeria”

La nota di Casapound prosegue: “Così come lo dimostrano le inchieste a orologeria e il tentativo di mettere sotto ricatto partiti come Fratelli d’Italia e Lega: ‘dichiaratevi antifascisti o siete fuori dall’arco costituzionale’. Ma veramente vogliamo tornare ai tempi della Santa Inquisizione? Davvero serve questo alla nostra Nazione?”.

Casapound contro lo scioglimento di Forza Nuova: “Dal movimento di Fiore ci distinguiamo, ma sciogliere FN proprio no”

Poi la precisazione: “Dal movimento di Roberto Fiore ci distinguono tante cose, da sempre, il linguaggio comunicativo e lo stile prima di tutto. Ma non è questo il punto. No Tav, Cobas e movimenti antagonisti sono cento volte più distanti da noi di Fn, eppure non chiederemmo mai lo scioglimento di questi movimenti, che pure di città a ferro e fuoco e di guerriglia urbana ne sanno qualcosa”.

Forza Nuova e lo scioglimento che Casapound boccia: “È la morte dello Stato di Diritto”

La chiosa è profetica: “In Italia la responsabilità penale è personale e ciascuno risponde delle proprie azioni: reprimere il dissenso, criminalizzare un intero mondo e farlo per decreto, in base a informazioni sommarie e sull’onda di un’isteria di massa – guarda caso preelettorale – è la morte dello Stato di diritto. E potrebbe essere solo l”antipasto’ di una cena che prima o poi sarà indigesta per tutti, a seconda di chi siederà a palazzo Chigi”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli