Una notte di proteste e repressione in Iran

Allison Bailey / NurPhoto / NurPhoto via AFP

AGI - L'Iran ha vissuto una notte di violenza con manifestazioni e due attacchi armati che hanno causato almeno 12 morti, mentre le proteste per la morte di Masha Amini, la 22enne uccisa dalla polizia morale dopo l'arresto, sono entrate nel terzo mese.

Le proteste, iniziate dopo la morte della giovane, avvenuta il 16 settembre, si sono intensificate negli ultimi giorni in occasione della commemorazione delle mobilitazioni del 2019, in cui morirono 300 persone. "Donna, vita, libertà", lo slogan risuonato ieri sera in molte città del Paese, a Teheran, Gorgan, Sanandaj o Isfahan, dove i manifestanti hanno danzato intorno ai falò.

Il caos determinato delle proteste è stato "sfruttato dai gruppi terroristici", hanno riferito i media locali: a Ize, nel Sud del Paese, uomini armati a bordo di motociclette hanno aperto il fuoco sui passanti e sulla polizia nel mercato centrale della città, uccidendo almeno sette persone e ferendone 15.

A forbidden kiss in #Iran
People breaking down walls#MahsaAmini pic.twitter.com/EsIOoHzcE8

— Sima Sabet | سیما ثابت (@Sima_Sabet) November 16, 2022

Tre sospetti sono stati arrestati per il loro presunto coinvolgimento nell'attacco, ha riferito Ali Dehqani, direttore del Dipartimento di Giustizia del Khuzestan, dove si trova Ize, secondo l'agenzia Tasnim. Nella città si sono verificati pesanti scontri la scorsa notte e i manifestanti hanno dato fuoco a un seminario religioso, secondo Tasnim.

In un altro attacco, uomini armati su motociclette hanno sparato contro le forze di sicurezza nella città centrale di Isfahan, uccidendo due basiji (militanti islamici) e ferendone altri otto. Inoltre, tre persone sono morte nella città di Semirom, nella provincia di Isfahan, in circostanze non chiarite dalle autorità.

Le proteste si sono intensificate da martedì, a seguito di un appello degli attivisti, che hanno esortato a commemorare le mobilitazioni del 2019, in cui furono uccise 300 persone, secondo Amnesty International.

Manifestazioni sono in corso in numerose città del Paese, ma e' difficile conoscerne la portata date le limitazioni di internet e la mancanza di informazioni ufficiali. A Teheran il Grand Bazaar è stato chiuso secondo fonti dei manifestanti. In un altro noto centro commerciale della capitale, diversi negozi sono stati chiusi e alcuni negozianti hanno gridato "morte al dittatore" riferendosi al leader supremo dell'Iran, Ali Khamenei.

Almeno 326 persone, tra cui 43 minorenni, sono state uccise nella repressione della polizia, secondo l'Ong Iran Human Rights, con sede a Oslo. Inoltre, finora cinque persone sono state condannate a morte per la loro partecipazione alle manifestazioni, mentre circa 2.000 sono state accusate di vari reati legati alle proteste.