Incontro per ripartire. Ma sui migranti tra Conte e Macron c'è solo una vaga condivisione

Pietro Salvatori
Conte Macron

Giuseppe Conte a cena con Emmanuel Macron. Di per sé sarebbe una notizia, visto che sotto la presidenza dell’avvocato del popolo italiano le relazioni bilaterali italo-francesi hanno toccato il loro punto più basso, con il richiamo a Parigi dell’ambasciatore a seguito degli endorsement 5 stelle ai gilet gialli, mentre il presidente francese combatteva la racaille che devastava le città d’Oltralpe. La tavola apparecchiata è uno dei tasselli del vaste programme del presidente del Consiglio, che nello spazio di qualche giorno ha incontrato o incontrerà i sindacati e il premier libico Al Serraj, il presidente federale tedesco Frank-Walter Steinmeier e Giorgia Meloni alla sua festa di Atreju, la sinistra di Articolo1, la Cgil e i potenti del mondo alle Nazioni Unite.

Pazienza se la leggenda narra che il “vasto programma” fu coniato da Charles De Gaulle rispondendo a un contestatore che gli urlava “Mort aux cons”, “morte ai cretini”. Perché il leader senza partito ha bisogno di tessere una tela di consenso interno e di primazia nelle relazioni internazionali che gli consenta di muoversi in autonomia, resistendo alle intemperie dei Palazzi italiani.

Uno scacchiere nel quale l’incontro con il leader di En Marche ha una posizione centrale, proprio nei giorni in cui quello che fu considerato un suo omologo italiano, Matteo Renzi,  ha dato il via alla sua piccola marcia di allontanamento al socialismo. Ma le fonti diplomatiche francesi assicurano che Renzi sia tutt’altro che un elefante nel salotto. La dipartita dalla stanza dei bottoni di Matteo Salvini ha dato il là al presidente francese di riannodare gli slabbrati fili dei rapporti con il nostro paese, e guarda fiducioso esclusivamente al governo in carica. Non c’è dunque da sorprendersi se la visita sia definita come “fortemente voluta” anzitutto da Parigi. Che punta a riportare l’Italia nel tradizionale consesso europeo quale sponda utilissima su tematiche anzitutto economiche,...

Continua a leggere su HuffPost