Una proposta di referendum Sì Tav c'è già, ma è ferma da due mesi

Marco Gritti

Di referendum sulla linea Alta Velocità Torino – Lione, in questi giorni, ne parlano un po' tutti, dal ministro dell'Interno Matteo Salvini a diversi presidenti delle Regioni, una schiera guidata dal piemontese Sergio Chiamparino e dal lombardo Attilio Fontana. La consultazione popolare potrebbe servire per aiutare l'esecutivo a decidere il destino del Tav italo-francese dopo l'arrivo degli esiti dell'analisi costi-benefici. A Torino, però, un'iniziativa che punta a chiedere un referendum tra i cittadini c'è già: fino ad ora, però, è rimasta inascoltata.

Il caso della petizione al Consiglio Comunale

"Finora l'unica richiesta concreta è la nostra". A parlare è Igor Boni, membro della Direzione Nazionale Radicali Italiani: "Il 13 novembre 2018 abbiamo presentato al Consiglio Comunale di Torino una petizione popolare che porta in calce mille firme, più del triplo di quelle richieste (il limite minimo è 300, ndr), tutte raccolte durante la manifestazione Sì Tav del 10 novembre scorso". Mille firme di persone che sperano che gli scavi proseguano: "Chiediamo al Consiglio Comunale di indire un referendum consultivo sul proseguimento dell'opera", prosegue Boni. Ma da allora "sono passati 60 giorni e non abbiamo ricevuto risposta". Il tempo stringe: "Affinché il referendum abbia luogo nel 2019, il Consiglio deve avviare le pratiche entro febbraio. La nostra impressione è che stiano perdendo tempo per far scadere il termine". Gli articoli 9 e 11 del Testo unico delle norme regolamentari sulla partecipazione, adottato dalla Città di Torino, stabiliscono che "il presidente del Consiglio Comunale organizzi il diritto di tribuna" e "comunichi in tempo utile la data fissata per la discussione" per "assicurare opportuna pubblicità alle proposte di deliberazione e di petizione presentate al Consiglio Comunale". Il procedimento prevede poi un incontro, a Palazzo Civico, tra i promotori dell'istanza e i principali mezzi d'informazione cittadini e una Conferenza...

Continua a leggere su HuffPost