Una ragazza di 27 anni è stata uccisa dalla meningite a Genova

Una donna di 27 anni, ricoverata dall'alba in gravissime condizioni all'ospedale San Martino di Genova, è morta questa mattina per meningite nel reparto di rianimazione del pronto soccorso. La giovane era arrivata al nosocomio poco prima della 5 e, dopo i primi accertamenti, era stata ricoverata in Rianimazione. Come da protocollo, è stata attivata la profilassi su tutte le persone che hanno avuto contatti con la giovane.

La meningite è un'infezione grave che può uccidere in sole 24 ore. Oppure causare sordità, perdita della vista, paralisi, perdita degli arti, danni agli organi e al cervello. Ogni anno la malattia colpisce 2,8 milioni di persone mentre in Italia sono oltre 1.000 quelle che la contraggono. La meningite può colpire chiunque, ma è più frequente tra neonati e tra bambini nei primi anni di vita e nelle persone che hanno il sistema immunitario non funzionante a dovere (anziani e malati).

Cos'è e come difendersi.

La meningite, si legge sul sito dell'Istituto Superiore di Sanità, è un'infiammazione delle membrane (le meningi) che avvolgono il cervello e il midollo spinale. La malattia è generalmente di origine infettiva e può essere virale, batterica o causata da funghi. La forma virale, detta anche meningite asettica, è quella più comune: di solito non ha conseguenze gravi e si risolve nell'arco di 7-10 giorni. La forma batterica (argomento di queste pagine) è più rara ma estremamente più seria, e può avere conseguenze fatali.

I sintomi

Per quanto riguarda i sintomi questi sono indipendenti dal germe che causa la malattia. I sintomi più tipici includono:

  • irrigidimento della parte posteriore del collo (rigidità nucale)
  • febbre alta
  • mal di testa
  • vomito o nausea
  • alterazione del livello di coscienza
  • convulsioni.

Nei neonati, alcuni di questi sintomi non sono evidenti. Si possono però manifestare febbre, convulsioni, un pianto continuo, irritabilità, sonnolenza e scarso appetito.

La diagnosi

L'evidenza diagnostica, riporta il sito Prevenzione Meningite, viene raggiunta mediante analisi di una piccola quantità di liquido cerebrospinale prelevato mediante puntura lombare. Tale manovra non comporta rischi per il paziente, poiché il midollo spinale nell'adulto non oltrepassa i limiti della prima vertebra lombare. La natura e la gravità dell'infezione può essere stabilita identificando la natura e la quantità dei microrganismi patogeni. Se la meningite è di origine virale, i pazienti sono gravemente malati per alcuni giorni senza per questo perdere conoscenza, e se sottoposti a trattamento antibiotico, di solito si ristabiliscono entro una settimana. Se gli organismi patogeni sono di origine tubercolare, la guarigione richiede un tempo notevolmente più lungo. Inizialmente, i sintomi si limitano a malessere generale, mal di capo e irrequietezza; vengono colpiti anche alcuni nervi craniali.

Come proteggersi

Un'indicazione per evitare di contrarre la meningite è quella di evitare i luoghi sovraffollati, ma l'unica arma davvero efficace sono i vaccini. In Italia ci sono 3 tipi vaccini che permettono di difendersi:

  • Il vaccino coniugato contro l'Haemophilus influenzae tipo b, che viene somministrato di routine a tutti i bambini che iniziano il ciclo vaccinale (è incluso nel vaccino esavalente che viene abitualmente somministrato nel primo anno di vita)
  • Il vaccino eptavalente coniugato contro lo Pneumococco che è in grado di proteggere contro i 7 tipi di Pneumococco più diffusi e responsabili del 70-80% delle meningiti da pneumococco
  • Il vaccino coniugato contro il Meningococco diretto contro il tipo C, responsabile del 30-50% delle meningiti da meningococco

I casi in Italia

Ogni anno in Italia più di mille persone contraggono la meningite e di queste circa una ogni due viene colpita da meningite meningococcica. In particolare, i sierogruppi B e C sono particolarmente diffusi nel nostro Paese. Secondo i dati epidemiologici dell'Istituto Superiore di Sanità (ISS), la meningite meningococcica provoca il decesso nell'8-14% dei pazienti colpiti. In assenza di cure adeguate, il tasso di mortalità sale addirittura al 50%.

Quanto al sierotipo B, oltre ad essere particolarmente aggressivo con altissima letalità, è responsabile da solo di circa l'80% dei casi in età pediatrica, con una massima incidenza soprattutto nel primo anno di vita, tra il 4° e l'8° mese. Se si considera invece la situazione epidemiologica a livello mondiale, secondo i dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ogni anno si verificano 500 mila casi di meningite meningococcica, di cui circa 50 mila letali.

Inoltre, il 5-10% delle persone che contraggono l'infezione muore nonostante la malattia venga diagnosticata in tempo e si riceva un trattamento appropriato. Per quanto riguarda il sierotipo B del meningococco, si stima che nel mondo si verifichino ogni anno tra i 20 mila e gli 80 mila casi, con un tasso di letalità medio del 10%.