Una ricerca di Workday rileva che i dipendenti europei desiderano recuperare le opportunità di carriera perse

·8 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Lo studio mostra preoccupazioni relative alla carriera per le opportunità perse in termini di acquisizione di nuove competenze.

MILAN, Italy, June 08, 2021 (GLOBE NEWSWIRE) — Workday, Inc. (NASDAQ: WDAY), società leader delle applicazioni aziendali cloud per la gestione finanziaria e delle risorse umane, ha pubblicato oggi i primi risultati del sondaggio “Le prospettive dei lavoratori: capire il sentiment e le priorità dei dipendenti in tutta Europa” il quale rivela che i lavoratori europei sono preoccupati per l'impatto che la pandemia sta avendo sulle proprie carriere. Per alcuni, il repentino passaggio al lavoro da casa indica che hanno perso opportunità vitali per acquisire nuove responsabilità e competenze.

Workday ha collaborato con Yonder Consulting (ex Populus), una società di ricerca e consulenza strategica, con l’obiettivo di condurre uno studio quantitativo in tutta Europa. Yonder ha intervistato più di 17.000 impiegati al di sotto del livello di direttore in aziende con più di 250 dipendenti in nove mercati europei.

I punti salienti del sondaggio indicano che:

La ricerca ha anche rivelato che il 25% dei dipendenti cercherà di cambiare lavoro nei prossimi dodici mesi, nella speranza di trovare uno sviluppo di carriera migliore, un ruolo più interessante e un salario più opportuno. Tuttavia, solo il 12% afferma che il desiderio di cambiare lavoro è stato guidato dalla risposta del datore di lavoro alla pandemia COVID-19.

Nonostante le pressioni dovute dalla pandemia, il 30% dei dipendenti crede ancora che riceverà un aumento di stipendio nel prossimo anno, anche se gli spagnoli e gli italiani sono i meno fiduciosi, con solo il 23% e il 18% rispettivamente convinti di essere in linea per un aumento di stipendio. In Svezia invece, oltre la metà degli intervistati (52%) ritiene che il proprio stipendio aumenterà. Uno stipendio competitivo è il fattore più motivante quando si cerca un nuovo ruolo in tutti i mercati, con il 54% che afferma che non sarebbe disposto a ridurre il proprio stipendio per condizioni di lavoro più flessibili.

Workday sta aiutando i leader delle risorse umane di tutto il mondo a orientarsi verso il ritorno al luogo di lavoro e guidare questo ambiente dinamico. Ciò include la capacità di valutare la disponibilità della forza lavoro e del luogo di lavoro per la riapertura in base al sentiment e all'idoneità dei dipendenti. Inoltre, le organizzazioni possono fare leva su Workday per personalizzare l'esperienza dei dipendenti e fornire suggerimenti per lo sviluppo della carriera di ogni dipendente, sulla base della conoscenza delle capacità e degli interessi professionali di ciascun lavoratore, nonché delle competenze fondamentali per l'organizzazione.

Dipendenti positivi riguardo ai leader

Per confrontare le percezioni dei dipendenti sulle prestazioni complessive dei loro attuali leader, il team di ricerca ha condotto un'analisi fattoriale. Utilizzando i dati raccolti da 13 dichiarazioni di accordo, sono stati in grado di unire questi diversi attributi in un'unica metrica: il Leadership Index Score. Questo punteggio agisce da misura di come un dipendente si sente nei confronti delle prestazioni del team di leadership all'interno dell'organizzazione per cui lavora attualmente. Un punteggio inferiore a 100 significa che i leader in determinati mercati stanno ottenendo risultati inferiori alla media e un punteggio superiore.

Il Leadership Index Score ha mostrato che i leader nei Paesi Bassi, Germania, Svizzera e Regno Unito sono stati visti in modo più favorevole dai dipendenti.

Nei paesi in cui la performance di leadership era superiore alla media (Germania, Svizzera, Paesi Bassi, Regno Unito) i dipendenti avevano maggiori probabilità di comprendere il ruolo che svolgeranno nel futuro dell'organizzazione (rispettivamente 65%, 64%, 63% e 62%). I leader nel Regno Unito e nei Paesi Bassi sono stati giudicati i più empatici dai propri dipendenti (64% e 65% rispettivamente), mentre i leader nei Paesi Bassi (55%), Svizzera (54%) e Germania (53%) sono stati considerati i migliori nella gestione del cambiamento.

Fiducia nella Leadership

Si ritiene che circa la metà dei leader abbia gestito bene il 2020 dando la priorità alla salute e sicurezza dei dipendenti (59%) e mostrando empatia (55%). Quasi la metà dei dipendenti (49%) crede che la leadership della propria azienda abbia affrontato bene il cambiamento.

La maggior parte dei dipendenti ritiene che la comunicazione da parte dei leader sia rimasta invariata o aumentata durante il 2020, in particolare quelli che lavorano nel Regno Unito (85%) e in Italia (88%).

La ricerca dipinge un quadro ampiamente positivo di come le organizzazioni in tutta Europa si sono adattate al drammatico cambiamento nei modelli di lavoro reso necessario dalla pandemia. Nonostante quasi la metà dei dipendenti (46%) abbia dichiarato di aver lavorato raramente, se non mai, da casa prima del 2020, oltre la metà dichiara di essere meno stressata (53%) e più produttiva (56%) lavorando da casa nel 2020.

Motivazione

Quasi la metà dei dipendenti ha trovato difficile motivarsi di recente. Questo sembra essere stato guidato da vari fattori tra cui:

Coloro che vivono nei Paesi Bassi hanno più probabilità di sentirsi soddisfatti, produttivi e motivati. Inoltre, riportano livelli inferiori di stanchezza, insieme alle loro controparti tedesche.

Strumenti e Training

Sebbene l'84% dei dipendenti riferisca di poter accedere alle informazioni di cui ha bisogno e il 67% ritenga di aver ricevuto sufficiente supporto mentre lavorava da casa, il 66% non ha ricevuto alcuna formazione su come lavorare in modo efficace da casa.

Commento alla Notizia

“Sebbene sia rassicurante vedere che molti leader in azienda hanno gestito con successo i cambiamenti imprevisti della pandemia, il vero impatto si vedrà nel modo in cui le organizzazioni sosterranno i dipendenti nella transizione verso una qualche forma di normalità quando usciremo dal blocco”, ha detto Carolyn Horne, presidente, EMEA, Workday. “In modo critico, questo dovrebbe includere il supporto allo sviluppo dei dipendenti attraverso la formazione delle competenze e la creazione di nuove opportunità, come l'apprendimento virtuale e la mobilità interna, che non solo contribuirà al continuo successo di un'organizzazione, ma sosterrà il benessere dei dipendenti.”

Informazioni Aggiuntive

Tra il 28 ottobre e il 18 novembre 2020 Yonder ha condotto un sondaggio online su 17.054 dipendenti al di sotto del livello di Direttore e che lavoravano in un'organizzazione con oltre 250 dipendenti in nove mercati europei. I nove paesi sono stati scelti in quanto rappresentavano una buona diffusione geografica in tutta Europa, hanno incluso le cinque maggiori economie europee ed erano tutte accessibili utilizzando una metodologia di indagine online. Yonder è un membro del British Polling Council e si attiene alle sue regole. Ulteriori informazioni sono disponibili al link https://yonderconsulting.com/.

Metodologia

La dimensione dei panel online in ogni paese è stata sufficiente per consentire a un campione consistente di dipendenti che lavorava in organizzazioni con più di 250 dipendenti. Un campione di 2.000 intervistati in ciascun mercato è stato l'obiettivo del lavoro sul campo in quanto fornisce una solida base da cui condurre l'analisi. Il margine di errore su una dimensione di 2.000 campioni è +/- 2,2% con un livello di confidenza del 95%, il che significa che se il sondaggio fosse condotto di nuovo 100 volte, 95 volte su 100 ci si aspetta che i risultati cambierebbero di un massimo di +/- 2,2%. Raggiungere i dipendenti tramite una metodologia online in Svizzera è più difficile poiché ci sono meno persone iscritte ai panel online. Si è pertanto deciso di scendere a compromessi e di utilizzare una dimensione di base inferiore. In Svizzera è stato raggiunto un totale di 1.004 intervistati. Va notato che la dimensione di base più piccola di 1.004 in Svizzera crea un margine di errore +/- 3,1% con un livello di confidenza del 95%.

A proposito di WorkdayWorkday è fornitore leader di applicazioni cloud aziendali per la gestione finanziaria e delle risorse umane, che aiuta i clienti ad adattarsi e avere successo in un mondo che cambia. Le applicazioni Workday per la gestione finanziaria, le risorse umane, la pianificazione, la gestione delle spese e l'analisi sono state adottate da migliaia di aziende in tutto il mondo e in tutti i settori, dalle medie imprese a oltre il 45% delle aziende Fortune 500. Per ulteriori informazioni su Workday, visita workday.com.

Dichiarazioni Previsionali

Il presente comunicato stampa contiene dichiarazioni di carattere previsionale comprese dichiarazioni sulle performance e i vantaggi previsti dei prodotti Workday. I termini “ritenere”, “potere”, “volere”, “stimare”, “continuare”, “prevedere”, “intendere”, “aspettarsi”, “cercare”, “pianificare”, “progettare” e simili espressioni si riferiscono a dichiarazioni di carattere previsionale. Tali dichiarazioni previsionali sono soggette a rischi, incertezze e ipotesi. Se tali rischi si concretizzano o se le ipotesi risultano inesatte, i risultati effettivi potrebbero differire sostanzialmente dai risultati previsti in tali dichiarazioni previsionali. Sono inclusi, tra gli altri, i rischi descritti nei documenti societari depositati presso la Securities and Exchange Commission (SEC), compresi il Form 10-Q per l’esercizio al 30 aprile 2021 e le relazioni future che potremo depositare presso la SEC di volta in volta, che potrebbero determinare una differenza tra i risultati effettivi e le previsioni. Workday non si assume alcun obbligo né intende aggiornare tali dichiarazioni di carattere previsionale successivamente alla data del presente comunicato stampa.

Eventuali servizi, funzionalità o caratteristiche non pubblicati e riportati nel presente documento, nel nostro sito web o su altri comunicati stampa o dichiarazioni di carattere pubblico e non ancora disponibili sono soggetti a modifiche a discrezione di Workday e di Workday Strategic Sourcing potrebbero non essere rilasciati come previsto o non rilasciati affatto. I clienti che acquistano i servizi di Workday e/o Workday Strategic Sourcing devono assumere le decisioni di acquisto in base ai servizi, alle caratteristiche e alle funzioni attualmente disponibili.

Contatti stampa:Malika BrahitiWorkday EMEA+33 (6) 80 14 14 47malika.brahiti@workday.com

Ufficio stampa WorkdayElena Giffoni+ 39 347 2626681elena.giffoni@giffonipr.com