Una risoluzione Onu impone ai membri permanenti di giustificare il veto

Nigel Francis / Robert Harding Premium / robertharding

AGI - L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione che richiede ai cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza di giustificare il loro uso del veto. Rivolgendosi direttamente a Stati Uniti, Cina, Russia, Francia e Regno Unito, gli unici detentori del veto, la misura promossa dal Liechtenstein è destinata a "far pagare loro un prezzo politico più alto" quando lo utilizzano, ha riassunto un ambasciatore di un paese che non ne ha uno e ha chiesto all'Afp di rimanere anonimo.

La riforma adottata dai 193 paesi membri dell'Assemblea Generale, proposta per la prima volta due anni e mezzo fa, prevede che siano convocati "entro dieci giorni lavorativi dall'opposizione di uno o più membri permanenti del Consiglio di Sicurezza, per tenere un dibattito sulla situazione in cui il veto è stato espresso".

Quasi un centinaio di paesi si sono uniti al Liechtenstein per co-sponsorizzare questo testo, tra cui gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Francia in extremis all'unisono con il resto dei membri dell'Unione Europea. Intervistato sulla riforma durante il suo primo viaggio in Russia dall'invasione dell'Ucraina, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha detto di essere "molto favorevole a un uso moderato del veto".

"Il veto è stato probabilmente usato troppe volte. In molte circostanze, viene utilizzato senza che esistano gli interessi vitali di un paese", ha aggiunto. Dal primo veto mai usato (dall'Unione Sovietica nel 1946 su Siria e Libano), la Russia lo ha usato 143 volte, molto prima degli Stati Uniti (86 volte), del Regno Unito (30 volte), della Cina e della Francia (18 volte ciascuno).

La Russia e la Cina non hanno sponsorizzato il testo. Questo testo "dividerà" l'ONU ancora di più, ha detto un diplomatico russo, prima dell'adozione. Il progetto "non è rivolto a nessuno", ha detto l'ambasciatore del Liechtenstein Christian Wenaweser. "Non è diretto contro la Russia", ha insistito mentre il voto dopo più di due anni di gestazione infruttuosa ha coinciso con la paralisi del Consiglio di Sicurezza per fermare l'invasione russa, a causa del potere di veto di Mosca. Gli Stati Uniti ritengono che la Russia abbia abusato del suo potere di veto per due decenni e il testo adottato dovrebbe contribuire a rimediare a ciò. Il testo non è vincolante e nulla impedisce a un paese che ha usato il suo veto di non presentarsi all'Assemblea Generale per spiegarlo.

La sua applicazione, con effetto immediato, "farà luce" sull'uso di questo diritto e sui "blocchi" del Consiglio di sicurezza, sostiene tuttavia un ambasciatore interpellato da Afp. Tra gli altri sponsor della risoluzione c'erano, oltre all'Ucraina, il Giappone e la Germania, due stati che aspirano ad essere membri permanenti in un possibile Consiglio di Sicurezza allargato. Questo allargamento per rappresentare meglio il mondo di oggi, richiesto di nuovo martedi' da Antonio Guterres, in particolare a beneficio dell'Africa, è in una situazione di stallo da anni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli